TRADIRE CHI..POVERO TRADITORE

getzieh-elenagetzieh.jpg
(foto di getzieh-elenagetzieh)

TRADIRE, parola grossa. Un uomo può tradire il suo paese, può tradire un amico può tradire la sua donna. L’esperienza del tradimento provoca un immenso,improvviso,lacerante dolore: il traditore si rivela improvvisamente un perfetto sconosciuto al tradito. Il tradimento coinvolge la relazione in se, al di la dell’IO E DEL TU. Entrambi i partner sono coinvolti in un malessere della coppia che si traduce in un malessere del NOI.

LE DONNE TRADISCONO per l’emozione DEL BATTICUORE,legano il tradimento storicamente ad un coinvolgimento emotivo ed amoroso, lo legano all’insoddisfazione del matrimonio, hanno più difficoltà a viverlo clandestinamente, anche se sanno nasconderlo meglio.

GLI UOMINI,invece, TRADISCONO PER IL SESSO,lo legano di più al piacere sessuale e non tradiscono per motivi di insoddisfazione, non hanno grandi difficoltà a viverlo clandestinamente, anzi ciò aumenta il piacere relazione, anche se sono meno bravi nel nasconderlo.

Per una coppia questa è una delle esperienze più brucianti e più difficili da elaborare, è il crollo di tante speranze e di tanti sogni, ci obbliga a rivedere il modo di essere e di dare. Ci fa entrare in crisi con noi stessi e ci si pone immediatamente come giudicati o giudicanti,come vittime e carnefice.

Chi è tradito proverà dolore insieme rabbia rancore e a volte desiderio di vendetta. Oppure al contrario rimarrà immobile, facendo finta di nulla negando l’evidenza. In entrambi i casi si sentirà derubato, svuotato di qualche cosa che sentiva parte di se.

Un tradito è come un malato, ha bisogno di tempo per guarire.

Il traditore invece, vive tre metri sopra il cielo… il suo tempo è allargato, vive un profondo stato di benessere.

Ma va fatta una considerazione importante,il traditore non è solo colui che tradisce o inganna, è anche colui che affronta diversamente una crisi di coppia. Spesso una relazione è caratterizzata dalla stanchezza, dalle incomprensioni, dai continui litigi, il traditore è colui che affronta, quindi è la parte attiva, rompendo in qualche modo il silenzio e l’indifferenza. Il tradito,invece,molto spesso è colui che minimizza e che fa finta di niente.

Sembra assurdo ma molto spesso si tradisce per EVITARE IL CONFLITTO:

mancanza di attenzioni, mancanza di comunicazione: l’infedele è il più insoddisfatto.

Tradisce per ottenere attenzione,si tradisce per voglia di innamoramento (l amore è un sentimento così desiderabile che ne abbiamo nostalgia e quando ci appare come messaggero di gioa siamo pronti ad accoglierlo)..ma si tradisce anche PER FISSAZIONE SESSUALE ,e solo in questo caso io parlerei di CORNA,nel senso più classico del termine,e nella sterilità di un comportamento tale non identificherei neanche un codice di comportamento.

L’UNICA COSA CHE UN UOMO PUO’ TRADIRE E’ LA SUA COSCIENZA”

E mi pareva a questo punto del discorso questa citazione ci stesse proprio bene!

Buon viaggio e alla prossima

Informazioni su nunzy conti

“L’Astrologia può essere definita come il primo tentativo, fatto dall’uomo, per portare nella sua vita di incertezze e paure, la sicurezza e l’ordine che egli intravvedeva nel cielo”(Dane Rudhyar). Astri e contrasti nasce con l’obiettivo di fare ordine nel caos,eliminare il grigio della mediazione, oltre a imporsi di semplificare il linguaggio per permettere a voi cari viandanti la decifrazione di un codice astrologico molto spesso negato ai più . Nunzy Conti
Questa voce è stata pubblicata in Amore, foto, Problemi di cuore, storie e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

8 risposte a TRADIRE CHI..POVERO TRADITORE

  1. Solitudo ha detto:

    Solo quando si rimane soli..si riesce a sentire il dolore che si è procurato..tradendo l’anima di chi ti ama..

  2. luigi ha detto:

    L’amore è un’obiettivo che impone il superamento della fase simbiotica che ci spinge ad amalgamarci con l’altro senza mantenere la nostra individualità.
    Solo quando avremo compiuto l’ulteriore necessario pasaggio in cui diventiamo due metà ben distinte forse riusciremo a non ferirci così tanto.

  3. marco ha detto:

    Questa è una società troppo complicata,una volta forse era più semplice,o forse,semplicemente non ci facevano troppe domande.Le donne avevano meno tempo di farsi paranoie e gli uomini tornavano comunque a casa…ma il tradimento,mettiamocelo in testa è sempre esistito..non se ne parlava…non era l’argomento del giorno..e di certo le donne che si sentono offese …dovrebbero sapere che anche in altre epoche voi eravate più brave a fare…e a non dire…
    scusate lo sfogo

  4. paolo ha detto:

    “Il tradimento sembra non portare che ad uno stato sospeso dove il giudizio non è
    né di assoluzione né di condanna, è come se tutto ciò che è stato fatto non avesse avuta altra spiegazione che l’ineluttabilità di un destino prescritto e inevitabile. Non si tradisce perché si vuole, si tradisce perché si deve e si deve perché non si può scegliere. Chi sia il tradito e chi il traditore poco importa, tutto intorno sembra essere il risultato di una bugia senza inizio e senza fine che sfuma i contorni di una realtà non più comprensibile. È uno spazio irreale quello dove si muove chi è stato toccato dal tradimento. È uno spazio dove non ci sono certezze e dove la vendetta non basta a placare la sete di rivincita e la voglia di sopravvivere.”
    Da un articolo di ALESSANDRA MEO

  5. giangi ha detto:

    L’amore non finisce mai all’improvviso..
    a volte lo diamo per scontato e lo accudiamo male,e poi ci accorgiamo di questo quando è troppo tardi…
    quando compare il “terzo”, molte volte arriva per mettere alla prova quell’amore,perchè siamo pur sempre umani ed è naturale interessarsi ad altri…ma la scelta normalmente viene riconfermata quando si tratta di un amore sano…mentre quando quell’amore è già ammalato…il terzo diventa la causa di un’inevitabile rottura…e si diventa così maledettamente egoisti…

  6. marco ha detto:

    Osservando il nostro comportamento quando,dubitiamo della fedeltà di una persona,anzi nel nostro cuore esiste già il dubbio del tradimento, ci accorgiamo di non riuscire più ad interpretare con serenità i gesti e parole dell’altro, che prima ci sembravano naturali; il sospetto si insinua tra le pieghe dell’anima ed è come se qualcosa si fosse rotto dentro di noi nel nostro cuore.
    Come ritrovare quella fiducia..necessaria per andare avanti??

  7. garfield ha detto:

    …è tutto così triste…
    io ho avuto un esperienza simile e mi trovo oggi a dover scontare la mancanza di fiducia che provo nei confronti degli altri..e dell’amore..purtroppo nel mio caso i dubbi erano fondati..e l le bugie di lei hanno avvelenato per sempre il mio cuore..
    difficile ritrovare la fiducia….
    ciao
    garfy

  8. nunzy conti ha detto:

    Timidi amici…dove siete
    ..lo so, vi ho trascurato..ma lo sapete che è per una buona causa…
    (la nostra)
    apetto notizie vostre
    ciao

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...