L’essenziale è invisibile agli occhi

PARLIAMO DI AMICIZIA

Cari viandanti volevo regalarvi oggi un momento del cuore,davvero importante:”l’essenziale è invisibile agli occhi” dice la volpe al piccolo principe..lasciandoci testimoni di un messaggio eterno dai significati eterni e irripetibili..pensiamoci insieme a quanto valore abbia nella nostra vita l’invisibile trama nascosta dietro al fluire delle emozioni che in quanto tali sono invisibili traccie del nostro cuore e della nostra anima. PRENDETEVI UNA PAUSA PER RI-LEGGERE QUESTA PAGINA,NE VALE DAVVERO LA PENA

In quel momento apparve la volpe.
Buon giorno, disse la volpe.
Buon giorno,rispose gentilmente il piccolo principe, voltandosi: ma non vide nessuno.
Sono qui, disse la voce, sotto al melo…
Chi sei? domandò il piccolo principe, sei molto carino…
Sono una volpe,disse la volpe.
Vieni a giocare con me,le propose il piccolo principe, sono così triste…
Non posso giocare con te disse la volpe, non sono addomesticata.

Ah! Scusa,fece il piccolo principe.
Ma dopo un momento di riflessione soggiunse:
che cosa vuol dire “addomesticare”?

Non sei di queste parti tu ,disse la volpe, che cosa cerchi ?
Cerco gli uomini, disse il piccolo principe.
Che cosa vuol dire “addomesticare”?
Gli uomini, disse la volpe, hanno dei fucili e cacciano. è molto noioso! Allevano anche delle galline. è il loro solo interesse.Tu cerchi delle galline?
No, disse il piccolo principe. Cerco degli amici. Che cosa vuol dire “addomesticare” ?
E’ una cosa da molto dimenticata. vuol dire “creare dei legami”…
Creare dei legami? >>
Certo, disse la volpe. Tu, fino ad ora, per me, non sei che un ragazzino uguale a centomila ragazzini. E non ho bisogno di te. E neppure tu hai bisogno di me. Io non sono per te che una volpe uguale a centomila volpi. Ma se tu mi addomestichi, noi avremo bisogno l’uno dell’altro. Tu sarai per me unico al mondo, e io sarò per te unica al mondo.
Comincio a capire,disse il piccolo principe. C’è un fiore…credo che mi abbia addomesticato…
È possibile, disse la volpe. Capita di tutto sulla Terra…

Oh! non è sulla Terra, disse il piccolo principe.
La volpe sembrò perplessa:
Su un altro pianeta ?Si,rispose

Ci sono dei cacciatori su questo pianeta ?
No.
Questo mi interessa! E delle galline ?
Ci sono dei cacciatori su questo pianeta ?
No.

Non c’è niente di perfetto, sospirò la volpe.
Ma la volpe ritornò alla sua idea: La mia vita è monotona. Io dò la caccia alle galline e gli uomini danno la caccia a me. Tutte le galline si assomigliano, e tutti gli uomini si assomigliano.Ed io mi annoio perciò. ma se tu mi addomestichi, la mia vita sarà come illuminata. Conoscerò un rumore di passi che sarà diverso da tutti gli altri. Gli altri passi mi fanno nascondere sotto terra. Il tuo, mi farà uscire dalla tana, come una musica. E poi, guarda! Vedi laggiù in fondo, i campi di grano ? Io non mangio il pane e il grano, per me è inutile. I campi di grano non mi ricordano nulla. E questo è triste! Ma tu hai dei capelli color dell’oro. Allora sarà meraviglioso quando mi avrai addomesticato. Il grano, che è dorato, mi farà pensare a te. E amerò il rumore del vento nel grano….
La volpe tacque e guardò a lungo il piccolo principe:
Per favore… addomesticami, disse.
Volentieri, rispose il piccolo principe, ma non ho molto tempo, però. ho da scoprire degli amici, e da conoscere molte cose.

Non si conoscono che le cose che si addomesticano, disse la volpe. Gli uomini non hanno più il tempo per conoscere nulla. Comprano dai mercanti le cose già fatte. Ma siccome non esistono mercanti di amici, gli uomini non hanno più amici.Se vuoi un amico,addomesticami!

Che cosa bisogna fare? domandò il piccolo principe. Bisogna essere molto pazienti, rispose la volpe. In principio tu ti siederai un pò lontano da me, così, nell’erba. Io ti guarderò con la coda dell’occhio e tu non dirai nulla. Le parole sono una fonte di malintesi. Ma ogni giorno tu potrai sederti un pò più vicino…

Il piccolo principe ritornò l’indomani.
Sarebbe stato meglio ritornare alla stessa ora, disse la volpe. Se tu vieni, per esempio, tutti i pomeriggi alle quattro, dalle tre io comincerò ad essere felice. Col passare dell’ora aumenterà la mia felicità. Quando saranno le quattro, incomincerò ad agitarmi e ad inquietarmi; scoprirò il prezzo della felicità! Ma se tu vieni non si sà quando, io non saprò mai a che ora prepararmi il cuore… Ci vogliono i riti.
Che cos’è un rito ? disse il piccolo principe.
Anche questa è una cosa da tempo dimenticata,disse la volpe. “E’ quello che fà un giorno diverso dagli altri giorni, un’ora diversa dalle altre ore.” C’è un rito, per esempio, presso i miei cacciatori. Il giovedì ballano con le ragazze del villaggio. Allora il giovedì è un giorno meraviglioso! Io mi spingo sino alla vigna. Se i cacciatori ballassero in un giorno qualsiasi, i giorni si assomiglierebbero tutti, e non avrei mai vacanza.
Così il piccolo principe addomesticò la volpe.
E quando l’ora della partenza fu vicina:
Ah! ,disse la volpe, … piangerò.
La colpa è tua, disse il piccolo principe, io, non ti volevo far del male, ma tu hai voluto che ti addomesticassi…
È vero,disse la volpe.
Ma piangerai! disse il piccolo principe.
“E’certo”,disse la volpe.
ma allora che ci guadagni?
Ci guadagno, disse la volpe, il colore del grano.
Poi soggiunse:
Và a rivedere le rose. capirai che la tua è unica al mondo.

Quando ritornerai a dirmi addio, ti regalerò un segreto.
Il piccolo principe se ne andò a rivedere le rose.


“Voi non siete per niente simili alla mia rosa, voi non siete ancora niente, disse. Nessuno vi ha addomesticato, e voi non avete addomesticato nessuno. Voi siete come era la mia volpe. Non era che una volpe uguale a centomila altre. ma ne ho fatto il mio amico ed ora è per me unica al mondo”.
E le rose erano a disagio.
Voi siete belle, ma siete vuote,disse ancora. Non si può morire per voi. certamente, un qualsiasi passante crederebbe che la mia rosa vi rassomigli, ma lei, lei sola, è più importante di tutte voi, Perché è che ho innaffiata. Perché è lei che ho messa sotto la campana di vetro. Perché è lei che ho riparata col paravento. Perché su di lei ho uccisi i bruchi (salvo i due o tre per le farfalle).
Perché è lei che ho ascoltato lamentarsi o vantarsi, o anche qualche volta tacere.
Perché è la mia rosa.
E ritornò dalla volpe.

Addio,disse.
Addio,disse la volpe.” Ecco il mio segreto. È molto semplice: non si vede bene che col cuore.
L’essenziale è invisibile agli occhi”.
<L’ESSENZIALE E’ INVISIBILE AGLI OCCHI >, ripeté il piccolo principe, per ricordarselo.
È il tempo che tu hai perduto per la tua rosa che ha fatto la tua rosa così importante.
È il tempo che ho perduto per la mia rosa.. sussurrò il piccolo principe per ricordarselo.
Gli uomini hanno dimenticato questa verità.
Ma tu non la devi dimenticare. Tu diventi responsabile per sempre di quello che hai addomesticato.
Tu sei responsabile della tua rosa…

Io sono responsabile della mia rosa.. ripetè il piccolo principe per ricordarselo.”

<e de Saint Exupery

Informazioni su nunzy conti

“L’Astrologia può essere definita come il primo tentativo, fatto dall’uomo, per portare nella sua vita di incertezze e paure, la sicurezza e l’ordine che egli intravvedeva nel cielo”(Dane Rudhyar). Astri e contrasti nasce con l’obiettivo di fare ordine nel caos,eliminare il grigio della mediazione, oltre a imporsi di semplificare il linguaggio per permettere a voi cari viandanti la decifrazione di un codice astrologico molto spesso negato ai più . Nunzy Conti
Questa voce è stata pubblicata in Amicizia, Amore, Antoine de Saint Exupery, favole e racconti, Felicità, Il piccolo principe, L’essenziale è invisibile agli occhi, Letteratura, Libri cibo per la mente, Problemi di cuore, Sogni, storie, video e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

14 risposte a L’essenziale è invisibile agli occhi

  1. donnaemadre ha detto:

    Cara Nunzy, nel mio blog, come forse saprai, siamo dei patiti de “Il piccolo principe”, al punto che lo stiamo riproponendo tradotto in dialetto siciliano ( http://donnaemadre.wordpress.com/u-principi-picciriddu/ ) : ti invito a darci un’occhiata, perché è veramente una chicca.
    L’espressione poi “L’essenziale è invisibile agli occhi” è praticamente uno dei nostri motti (insieme a “Le vie del Signore sono infinite” e “Le coincidenze non esistono”)

    *** E sarà una coincidenza che sono capitata qui stasera? ***

  2. nunzy conti ha detto:

    “L’essenziale è invisibile agli occhi”
    così cita il mio blog in apertura…e mi trovi molto daccordo su tutto il resto
    il piccolo principe è una bella prova
    Ti commuove appena lo leggi
    Ti lascia il segno quando lo rileggi..parole del cuore indelebili
    come molte delle parole che ha scritto Saint Exupery:

    “Ogni uomo dovrebbe guardare dentro di sé per imparare il significato della vita. Non è qualcosa che si scopre: è qualcosa che si deve modellare.”…
    ciao e grazie per il tuo commento
    nunzy
    P.S.
    seguirò il tuo consiglio..andrò a leggere..tra l’altro il siciliano mi è familiare..adoro la sonorità di un dialetto nobile…e non tutti lo sanno!!
    ciaoooo
    (anche io non credo alle coincidenze!)

  3. donnaemadre ha detto:

    Ciao Nunzy, come stai? Ti volevo scrivere che abbiamo aggiunto un capitolo e mezzo al piccolo principe.

  4. nunzy conti ha detto:

    …fine settimana intenso,cara diemme…
    ma tutto va bene
    grazie…e vado subito a leggere!
    ciaooooooo

  5. arthur ha detto:

    L’essenziale è invisibile agli occhi… che tradotto nella “mia lingua” sarebbe ” Chiddu chi ccunta, ‘un si pò mai vidiri! ”

    *** Un omaggio… ***

  6. nunzy conti ha detto:

    ” Chiddu chi ccunta, ‘un si pò mai vidiri! ”….
    appunto caro arthur
    e secondo me e mi sa non solo “me”…dietro di te c’è molto da “vidiri”
    Grazieeeeeee
    nunzy

  7. Pingback: Pete Eckert: il fotografo cieco che insegna a vedere l’invisibile « SPIRITUAL SEEDS

  8. stellasolitaria ha detto:

    …ciò che conta davvero non lo possiamo vedere…
    …ciò che conta davvero non lo possiamo comprare…
    …ciò che conta davvero non lo possiamo ascoltare…
    chiudi gli occhi, fermati un istante in un’oasi di pace e silenzio, e ascolta ciò che conta davvero…
    …ascolta con orecchie nuove e allora lo vedrai davvero, ma lo vedrai in un modo diverso come non avevi mai visto…l’oasi di pace la trovi dentro di te…
    Ci sono cose a cui arriveremo, forse un giorno, ma devono venire da dentro…solo noi lo dobbiamo volere e se così, è un giorno sarà…
    (il piccolo principe ha occupato un pezzettino del mio cuore)

  9. nunzy conti ha detto:

    @stella
    ..e il viaggio comincia…
    “Ci sono cose a cui arriveremo, forse un giorno, ma devono venire da dentro…solo noi lo dobbiamo volere ”
    dici il vero mia cara…quello che non riusciamo a vedere e che non facciamovedere… è chiuso ..stretto a doppia mandata nel nostro cuore…
    ..sta a noi aprire la serratura e rendere al mondo la meraviglia che siamo….
    (forse un blog ..aiuta a trovare la chiave..)

    ***grazie per questa ulteriore riflessione chi mi hai permesso di fare😉 ***

  10. Pingback: « I bambini soltanto sanno quel che cercano… » (De Saint-Exupéry, Il piccolo principe, cap. XXII) « NUNZY CONTI

  11. luisoku ha detto:

    è anche la mia frase preferita…

  12. cavaliereerrante ha detto:

    ” ….. E verrà il giorno che gli uomini scopriranno, nel guscio maculato di una conchiglia, un intero universo !” @Alejo Carpentier da “Los pasos perdidos” .
    Il tuo blog, @Nunzy, mi sembra come un mondo incontaminato tutto da scoprire ! Io mi affaccio qui, seguo un sentiero …. una traccia di te, una qualunque come questo post che non avevo mai letto ( nè, a quell’ epoca, sapevo dell’ esistenza della blogsfera e dei suoi eroi … ), e s’ apre sorprendentemente la mia memoria …. come se ogni pur piccolo frammento mi fosse già appartenuto, come se il più piccolo elemento di scenario io l’ avessi già veduto ! 🙂
    Si dice che il tragico, indimenticabile @James Dean, una sola cosa portasse sempre con sè, e leggesse sempre nella sua disordinata, smarrita esistenza : il libro, logorato dall’ uso, del Piccolo Principe, custode e amico della sua infanzia negata !!!

  13. nunzy conti ha detto:

    …ogni cosa conosce il suo tempo,ogni parola incontra la nostra storia personale quando è giusto che accada…sempre lieta di leggerti cavalier errante di questo virtuale mondo di viandanti del’etere..

  14. nunzy conti ha detto:

    ….e benvenuta a te..luisoku

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...