Le due goccie d’olio

Direttamente dal blog di Paulo Coelho “Il guerriero della luce”

Un incantevole racconto..che ci lascia annusare l’oscuro incanto dell“‘ALCHIMISTA”

“ASCOLTA IL TUO CUORE. ESSO CONOSCE TUTTE LE COSE”

Impara ad ascoltare il tuo cuore: è l’insegnamento che scaturisce da questa favola spirituale e magica. Alle frontiere tra il racconto da mille e una notte e l’apologo sapienziale, L’Alchimista è la storia di una iniziazione.

Il miraggio, qui, non è più solo la mitica Pietra Filosofale dell’Alchimia, ma il raggiungimento di una concordanza totale con il mondo, grazie alla comprensione di quei “segni”, di quei segreti che è possibile captare solo riscoprendo un Linguaggio Universale fatto di coraggio, di fiducia e di saggezza che da tempo gli uomini hanno dimenticato.( rcslibri.corriere.it/bompiani)

“Nella parte arte della cittadina di Tarifa c’è un vecchio forte costruito dai mori. Ricordo di essermi seduto lí con mia moglie, Christina, nel 1982, a guardare per la prima volta un continente dall’altro lato dello stretto: l’Africa. Allora non potevo immaginare che quel momento di ozio in un tardo pomeriggio avrebbe ispirato una scena del mio libro piú famoso, “L’alchimista.” E tanto meno potevo sognare che la storia che segue, udita in automobile, sarebbe servita da eccellente esempio per tutti noi che siamo alla ricerca dell’equilibrio tra il rigore e la compassione.”(PAULO COELHO)

LE DUE GOCCIE D’OLIO

Un mercante inviò suo figlio a imparare il Segreto della Felicità con il piú saggio di tutti gli uomini. Il ragazzo camminò per quaranta giorni nel deserto, finché giunse a un bel castello, in cima a una montagna. Là viveva il Saggio che il ragazzo cercava.

Invece di incontrare un sant’uomo, però, il nostro eroe entrò in una sala e vide un’attività frenetica: mercanti che entravano e uscivano, persone che chiacchieravano in tutti gli angoli, una piccola orchestra che suonava dolci melodie; e poi c’era una ricca tavola imbandita con i piú deliziosi piatti di quella regione del mondo.

Il Saggio conversava con tutti, e il ragazzo dovette aspettare due ore perché arrivasse il suo turno di essere ricevuto.

Con molta pazienza, il Saggio ascoltò attentamente il motivo della visita del ragazzo, ma gli disse che in quel momento non aveva tempo per spiegargli il Segreto della Felicità.

Gli suggerí di fare una passeggiata nel suo palazzo e di tornare dopo due ore.

– Tuttavia, desidero chiederti un favore – concluse, consegnando al ragazzo un cucchiaino da té, nel quale versò due gocce di olio. – Mentre camminerai, porta questo cucchiaino senza versare l’olio.

Il ragazzo cominciò a salire e scendere le scalinate del palazzo, tenendo sempre gli occhi fissi sul cucchiaino. Trascorse le due ore, tornò al cospetto del Saggio.

– Allora – domandò il Saggio – hai visto gli arazzi della Persia che si trovano nella mia sala da pranzo? Hai visto il giardino che il Maestro dei Giardinieri ha impiegato dieci anni a creare? Hai notato le belle pergamene della mia biblioteca?

Il ragazzo, vergognandosi, confessò di non avere visto nulla. La sua unica preoccupazione era non rovesciare le gocce di olio che il Saggio gli aveva affidato.

– Allora torna indietro e conosci le meraviglie del mio mondo – disse il Saggio. – Non puoi confidare in un uomo se non conosci la sua casa.

Adesso piú tranquillo, il ragazzo prese il cucchiaino e tornò a passeggiare per il palazzo, questa volta prestando attenzione a tutte le opere d’arte che pendevano dal soffitto e dalle pareti. Ammirò i giardini, le montagne circostanti, la delicatezza dei fiori, la raffinatezza con cui ogni opera d’arte era collocata al giusto posto. Di ritorno al cospetto del Saggio, riferí dettagliatamente tutto ciò che aveva visto.

– Ma dove sono le due gocce di olio che ti ho affidato? – domandò il Saggio.

Guardando il cucchiaino, il ragazzo si rese conto che le aveva versate.

– Ebbene, questo è l’unico consiglio che ho da darti – disse il piú Saggio dei Saggi. – Il segreto della felicità sta nel guardare tutte le meraviglie del mondo e non dimenticarsi mai delle due gocce di olio nel cucchiaino.

Buonasosta viandanti del caso..

Informazioni su nunzy conti

“L’Astrologia può essere definita come il primo tentativo, fatto dall’uomo, per portare nella sua vita di incertezze e paure, la sicurezza e l’ordine che egli intravvedeva nel cielo”(Dane Rudhyar). Astri e contrasti nasce con l’obiettivo di fare ordine nel caos,eliminare il grigio della mediazione, oltre a imporsi di semplificare il linguaggio per permettere a voi cari viandanti la decifrazione di un codice astrologico molto spesso negato ai più . Nunzy Conti
Questa voce è stata pubblicata in favole e racconti, Letteratura, Libri cibo per la mente, PAULO COELHO e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Le due goccie d’olio

  1. donnaemadre ha detto:

    Cara amica, intanto complimenti per le bellissime e suggestive immagini che ci proponi. Per quanto riguarda la storia… eh sì, è proprio così, bisogna vivere non tralasciando nulla, così nel piccolo e così nel grande, nel vicino e nel lontano, nel materiale e nello spirituale, nel presente, nel passato e nel futuro…

    Buonanotte amica…

  2. nunzy conti ha detto:

    “Vivere non tralasciando nulla”…questa è la filosofia mia cara diemme….
    Buonanotte anche a te..
    amica mia
    ***sei speciale***

  3. Aurorablu Libri ha detto:

    Bellissime citazioni! Grazie!

  4. nunzy conti ha detto:

    Ti ringrazio del tuo grazie..ma soprattutto di aver permesso a me a i viandanti miei compagni di viaggio di approdare nelle tue “stanze”

    Direttamente dal tuo sito un verso dell’anima a me molto gradito..e cher dedico a te,a me,a diemme..e a tutti quelli la cui anima vibra per un “verso”,una “parola” del cuore

    Spazio spazio, io voglio, tanto spazio
    per dolcissima muovermi ferita:
    voglio spazio per cantare crescere
    errare e saltare il fosso
    della divina sapienza.
    Spazio datemi spazio
    ch’io lanci un urlo inumano,
    quell’urlo di silenzio negli anni
    che ho toccato con mano.

    Alda Merini, da “Vuoto d’amore”

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...