Il matto

Tarologia: I percorsi dell’anima

major00.jpg

(Deva Tarot)

AL MATTO AFFIDO LE CHIAVI DEL MONDO...

..LA FOLLIA E IL CORAGGIO DEL PASSO D’ONORE..

…O LA SPREGEVOLE FINE DI UN IDIOTA?

LA SCELTA E’ SEMPRE NOSTRA..ALL’UMANO IL LIBERO ARBITRIO DI ANDARE INCONTRO ALL’ANIMA..O DI ALLONTANARSI DA ESSA QUEL TANTO CHE BASTA PER NON RICONOSCERLA..

BUON VIAGGIO NAVIGANTI DELL’ANIMA.

E’ da tempo ormai che studio Tarologia..l’incontro più importante e stato con JODOROWSKY..da quel momento ho cercato di far parlare gliarcani ..di DAR LORO VITA…ECCO DUNQUE A VOI..

IL MATTO numero zero di una serie che va da 1 ,il Mago a 22 il Mondo..

il nostro è un viaggio… e comincia da zero..

BUON VIAGGIO NAVIGANTI DELL’ANIMA….

E come dice JODOROWSKY:se il Matto…parlasse..

Il monologo di Amleto

(Shakespeare- atto III, scena)

“Essere o non essere, questo è il problema.
Se sia più nobile sopportare
le percosse e le ingiurie di una sorte atroce,
oppure prendere le armi contro un mare di guai
e, combattendo, annientarli.
Morire, dormire.
Niente altro.
E dire che col sonno mettiamo fine
al dolore del cuore e ai mille colpi
che la natura della carne ha ereditato
È un epilogo da desiderarsi devotamente.
Morire, dormire.
Dormire, forse sognare: ah, c’é l’ostacolo,
perchè in quel sogno di morte
il pensiero dei sogni che possano venire,
quando ci saremo staccati dal tumulto della vita,
ci rende esistanti.
Altrimenti chi sopporterebbe le frustate e lo scherno del tempo
le ingiurie degli oppressori, le insolenze dei superbi,
le ferite dell’amore disprezzato,
le lungaggini della legge, l’arroganza dei burocrati
e i calci che i giusti e i mansueti
ricevono dagli indegni.
Qualora si potesse far stornare il conto con un semplice pugnale,
chi vorrebbe portare dei pesi
per gemere e sudare
sotto il carico di una vita logorante
se la paura di qualche cosa dopo la morte,
il paese inesplorato dal quale nessun viandante ritorna,
non frenasse la nostra volontà,
facendoci preferire i mali che sopportiamo
ad altri che non conosciamo?
Così la coscienza ci fa tutti vili
e così il colore innato della risolutezza,
lo si rovina con una squallida gettata di pensiero
e le imprese d’alto grado e il momento,
proprio per questo, cambiano il loro corso
e perdono persino il loro nome di azioni.”

Informazioni su nunzy conti

“L’Astrologia può essere definita come il primo tentativo, fatto dall’uomo, per portare nella sua vita di incertezze e paure, la sicurezza e l’ordine che egli intravvedeva nel cielo”(Dane Rudhyar). Astri e contrasti nasce con l’obiettivo di fare ordine nel caos,eliminare il grigio della mediazione, oltre a imporsi di semplificare il linguaggio per permettere a voi cari viandanti la decifrazione di un codice astrologico molto spesso negato ai più . Nunzy Conti
Questa voce è stata pubblicata in Astrologia, JODOROWSKY, Tarologia e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

14 risposte a Il matto

  1. donnaemadre ha detto:

    Magnifico l’Amleto, inquietante e straordinario il suo monologo, e spunto di riflessione la carta del matto, il folle, che può rappresentare anche la parte più genuina e primordiale della nostra vita, quella che ci rende liberi.

    Così è sintetizzata la sua figura in un libro che vi ho citato spesso (*), e che amo molto:

    ARCHETIPO : Folle
    TRAGUARDO: Gioia di esistere
    PAURA : Della mancanza di vitalità
    DRAGO O PROBLEMA: Lo prende in giro
    RISPOSTA AL COMPITO: Fede nelle risorse della vita
    DONO O VIRTU’: Gioia, libertà

    Mi fanno pensare tutti questi spunti, ma soprattutto la sua paura della mancanza di vitalità, che è uno dei più gravi morbi dell’anima, e il suo dono o virtù, gioia e libertà.

    *** Perché la vita ha bisogno di un pizzico di follia ***

    (*) Risvegliare l’eroe dentro di noi – Dodici archetipi per trovare noi stessi – di Carol S. Pearson)

  2. nunzy conti ha detto:

    Stasera non riesco a risponderti con serietà…
    ma mi soffermo su questa tua affermazione
    “Perché la vita ha bisogno di un pizzico di follia ”

    …è grazie a quel pizzico di follia insito in persone come me e te..che è stato possibile vivere quello che abbiamo vissuto oggi…

  3. engelsblick ha detto:

    La follia, cugina, consaguinea della genialità. Genialità che è creatività, creatività che è vita…

    ***tirate le somme***

  4. nunzy conti ha detto:

    @engel e tutti
    …cara engel..tirando e ritirando le somme..il mio pensier ivi giunse:

    (Elogio della follia-Erasmo da Rotterdam)
    Qualsiasi cosa dicano di me i mortali – non ignoro, infatti, quanto la Follia sia portata per bocca anche dai più folli – tuttavia, ecco qui la prova decisiva che io, io sola, dico, ho il dono di rallegrare gli Dei e gli uomini. Non appena mi sono presentata per parlare a questa affollatissima assemblea, di colpo tutti i volti si sono illuminati di non so quale insolita ilarità.
    [..] Se poi volete anche sapere dove sono nata, visto che oggi nel valutare il grado di nobiltà attribuiscono la massima importanza al luogo dove si sono messi fuori i primi vagiti: ebbene, io non sono nata nell’errante Delo, non tra i flutti del mare, non in grotte profonde, ma proprio nelle Isole Fortunate, dove tutto cresce senza seme nè aratro. Là non esiste fatica, vecchiaia, malattie.[…]
    Dimentica di me stessa, ho passato da un pezzo i limiti…
    […]Tuttavia, se vi pare che il discorso abbia peccato di petulanza e prolissità, pensate che chi parla è la Follia, e che è donna. Ricordate però il detto greco: “spesso anche un pazzo parla a proposito”; a meno che non riteniate che il proverbio non possa estendersi alle donne.[..]

    Vedo che aspettate una conclusione: ma siete proprio scemi, se credete che dopo essermi abbandonata ad un simile profluvio di chiacchiere, io mi ricordi ancora di ciò che ho detto. Un vecchio proverbio dice: “Odio il convitato che ha buona memoria”. Oggi ce n’è un altro: “Odio l’ascoltatore che ricorda”. Perciò addio! Applaudite, bevete, vivete, famosissimi iniziati alla Follia.

  5. donnaemadre ha detto:

    Meraviglioso, grande Erasmo!

  6. stellasolitaria ha detto:

    A voi carissimi tutti, quest’estate ho ricevuto un msg con scritto: Ma tu sei pazza!!! Lui era l’uomo sulla fune. Ed io ero felice. Felice per essre stata definita pazza. Se avete letto i miei pensieri è il capitolo della mia vita che chiamo Follia. Ma io sono folle tutti i giorni, sono un po’ pazza ieri come oggi. La mia vita è allegria, pazzia, follia, musica, colori. La mia vita è lucidità, razionalità. Ebbene si, un pò pazza la sono. Non avevo fatto nulla di strano per essere chiamata così. Ero stata solo me stessa. Quelle che io chiamo storie spesso non hanno niente di fisico, ma un gioco di pensieri, di fughe, di rincorse. Un susseguirsi di emozioni. Forse a casa stellasolitaria la pazzia è un po’ di più che un pizzico…

  7. Alberto ha detto:

    Il pazzo è colui che vede la vita con i suoi occhi e non con quelli degli altri…
    E’ colui che parla la lingua della vita e non le parole che gli mettono in bocca gli altri…
    Il pazzo spesso è colui che riconosce la vita come un dono, non come un peso…
    Ma poichè è pazzo, non viene compreso e di conseguenza giudicato…
    E allora resta solo…
    Ed un pazzo solo, non è mai un pazzo felice…

    Scusami Nunzy se non mi sono fatto vivo in questo periodo.
    A presto, Alberto.

  8. stellasolitaria ha detto:

    Ciao Alberto (piacere Stellasolitaria) sono d’accordo con te tranne che per l’ultimo pezzo…nel senso che ci sono dei pazzi (come me) felici (chi mi vuole bene ha capito che non sono tra le righe…che c’è follia ma nel senso buono del termine) e io sono pazza e felice….

  9. nunzy conti ha detto:

    @amici cari..sono fuori sede
    a stasera per ogni risposta
    un bacio affettuoso a tutti

  10. nunzy conti ha detto:

    @alberto

    “Il pazzo è colui che vede la vita con i suoi occhi e non con quelli degli altri…
    E’ colui che parla la lingua della vita e non le parole che gli mettono in bocca gli altri…
    Il pazzo spesso è colui che riconosce la vita come un dono, non come un peso…”😦 non immagini neanche per un attimo il valore che hanno per me stasera le tue parole…

    Un inno alla vita….alla follia…
    che ci aiuti a spiegare
    cose che la ragione da sola non ce la fa…
    grazie alberto

  11. Alberto ha detto:

    Ciao Stellasolitaria, piacere mio!😀
    Sai, penso che alla fine una piccola vena di follia regna in ognuno di noi, poi dipende da tanti fattori!
    Se tu sei felice così come mi hai descritto, è veramente bello!
    Io penso che se la “follia” viene condivisa con chi la capisce, è molto più bello, perchè accanto ad un “pazzo felice” tutti sono molto più sorridenti!

    Nunzi, grazie a te che mi permetti di esprimere dei pensieri che altrimenti resterebbero solo miei e che non potrei condividerli con nessuno.
    Buona giornata a tutti!

  12. nunzy conti ha detto:

    @alberto
    ….si sarebbe davvero un peccato….
    perchè quei pensieri esprimono verità oggettive..
    espresse con sentimento vero…🙂
    dolce notte

    ***si è festeggiato..oggi sai..a casa di diemme..ma io muta sono😉 ***

  13. MARZO 2009: JODOROWSKY A FIRENZE
    Nei giorni 7 ed 8 Marzo 2009, Alejandro Jodorowsky terrà a Firenze un incontro sul tema “Psicogenealogia, Kharma e Tarocchi”. L’evento, organizzato dall’Istituto Lama Tzong Khapa di Pomaia (PI) e da Alessandro Lampugnale, che segue da tempo Jodo a Parigi, vedrà anche un inedito confronto tra il poliedrico Maestro e Lama Ghesce Tenzin Tenphel, abate del Monastero di Pomaia, sugli argomenti comuni che avvicinano l’attività di Jodo ed il mondo del Buddhismo. L’evento si terrà a Firenze, al Palazzo degli Affari (lato Stazione FS Santa Maria Novella) per poter ricevere al meglio le centinaia di persone che normalmente Jodorowsky attira nelle sue sempre più rare apparizioni in giro per il mondo. Gli aggiornamenti ed informazioni varie in tempo reale sono su http://www.lampugnale.it (menu “seminari e sviluppo potenziali”) e http://www.iltk.it. A partire dal 10 Dicembre 2008, solo su http://www.iltk.it ci si potrà iscrivere on-line. Per l’evento specifico, è attiva la mail eventojodo@libero.it, unico riferimento per contatti sull’incontro. I proventi della due giorni, detratte le strette spese di realizzazione, andranno interamente a sostenere le attività dell’Istituto Lama Tzong Khapa.
    FATE GIRARE A TUTTI I VOSTRI CONTATTI QUESTA MAIL, PERCHE’ L’EVENTO SARA’ A POSTI LIMITATI.

  14. nunzy conti ha detto:

    ..grazie per avercelo detto
    la voce girerà senz’altro!!
    ciao

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...