Sogni? Si grazie!

Freud diceva che il sogno è “la via maestra per esplorare l’inconscio…”

ed io aggiungo:DI CHE “MATERIA SONO FATTI I VOSTRI SOGNI ?

La riflessione mi giunge dal profondo e mi porta oggi a condividere con voi questo mio pensiero.Ma voi che pensate dei sogni?Sognate?E poi ricordate quei sogni?E che valore date al sogno?E infine per voi la vita è meglio se si sogna o la qualità di essa è deprivata di un elemento importante quando quel sogno(perchè tutti sogniamo) non viene mai alla luce?

Se riflettiamo sul fatto che passiamo all’incirca 23 anni a dormire di cui pare circa 4 a sognare..forse vale la pena chiedersi se quell’angolo di vita onirica racchiude in se un “segreto” a cui dovremmo dare ascolto.Sappiamo benissimo che se l’uomo non dorme non è in grado di vivere a lungo,e che la nostra psiche non è in grado di superare lunghi periodi di insonnia,ma sinceramente non ho trovato da nessuna parte l’informazione che mi fa intravedere che l’uomo non possa sopravvivere senza sognare…o ancor meglio senza ricordare i suoi sogni.

A questo punto un’altra domanda mi sorge spontanea..PERCHE’ DUNQUE SOGNIAMO?

Secondo Freud è dall’inconscio dell’ individuo che si originano i sogni. L’inconscio esprime essenzialmente desideri, che nel sogno trovano una loro “realizzazione allucinatoria”. Il sogno è quindi la rappresentazione dell’ appagamento mascherato di desideri repressi in un modo tale, e tramite immagini, che assicurano che loro intima natura non sia svelata. ” (ahimè non ricordo dove l’ho letta)..Ma è risaputo che da buona discepola Junghiana questa affermazione non mi basta..ovvero la trovo limitante. Ascoltando la voce dei nostri sogni noi entriamo in contatto con la parte più profonda della nostra anima;approdare ad informazioni su di noi che nascondiamo alla luce della ragione..anche gli incubi che tanto ci fanno paura ..in realtà ci permettono di svelare un patrimonio interiore che l’inconscio spinge verso la rivelazione. Ma ahime’non sono molti che riescono a decodificare la simbologia del messaggio onirico e si è portati a credere che gli incubi stessi non abbiano senso

(Anche il mio grande papà quando io piccola mi svegliavo in piena notte per un brutto sogno..risolveva la cosa dicendomi..”dai cucciola hai solo mangiato troppo e”..e già allora la cosa non mi convinceva!!)

Secondo me ,ripeto è proprio negli incubi che si annidano “informazioni importanti”,che vogliono essere comprese ..o risolte…; maggiormente quando si è vissuto un trauma e si è rimosso..l’inconscio spinge a quell’informazione se la stessa è fondamentale per la nostra serenità.

La vita psichica, quale sistema autoregolantesi, è equilibrata come la vita del corpo, cosicché per ogni iperfunzione si determinano tosto e necessariamente delle compensazioni: senza di ciò non potrebbe esistere né un normale ricambio organico né una psiche normale

Il sogno non soltanto non obbedisce alla nostra volontà, ma si pone addirittura, e molto spesso, in stridente contrasto con le intenzioni della coscienza. Il contrasto però non è sempre così marcato: talvolta il sogno può anche staccarsi in misura assai tenue dall’atteggiamento o dalla tendenza della coscienza, apportando lievi modificazioni… il concetto di ‘compensazione’ riassume significativamente tutti i tipi di comportamento del sogno” (Jung opere )

Nel sogno non c’è ne spazio ne tempo ,non c’è logica,ci appartiene nella nostra più profonda intimità;non può essere decodificato con un linguaggio razionale poiché è proprio attraverso il suo simbolismo che entriamo in contatto con le nostre più profonde aspirazioni..

E’ un esperienza unica e diversamente elaborato da ognuno di noi:
I sogni liberano il mistero che unisce anima e spirito, individuale con universale. Servono alla nostra realizzazione e offrono alternative sulla realtà ordinaria; aprono, a mio avviso, la via al vedere le cose in modo diverso, rivelano emozioni e comprensioni segrete, desideri e necessità, parti rifiutate di noi, talenti non sfruttati e ciò che manca alla nostra totalità. Spesso sono immagini totalmente irrazionali che però aprono la strada a qualcosa di più vasto di noi; oppure ci offrono risposte ai nostri problemi, qualcosa che la mente conscia non riesce a risolvere, e in questo modo si trasformano in maestri spirituali.(da guruji.it/ilsogno)

Vi posto un articolo che ho letto che trovo interessante per approfondire la nostra riflessione

Durante i sogni esistono diversi livelli di consapevolezza:

  • Livello 0: vi svegliate al mattino e non vi siete accorti di aver sognato.
  • Livello 1: vi svegliate, non ricordate nulla, ma durante il giorno, improvvisamente vi viene alla memoria un sogno o uno spezzone di sogno che avete fatto la notte precedente.
  • Livello 2: vi svegliate e conservate ancora il ricordo dell’ultima parte del sogno che stavate facendo. Tanto più vi confrontate con gli spezzoni di sogno che vi tornano a memoria, quanto più iniziate a ricordare. Alla fine riuscite a ricordare intere sequenze oniriche.
  • Livello 3: state sognando ma non siete coscienti del fatto che si tratti di un sogno. Tutto è totalmente reale e normale, anche se accadono le cose più singolari. In questa fase siete molto consapevoli, ma non realizzate l’idea di essere in un sogno.
  • Livello 4: vi ritrovate nel bel mezzo di un sogno e siete consapevoli del fatto che state realmente sognando. Questo è quello che si chiama “sogno chiaro” o “sogno lucido”. Potete comunicare coscientemente con i personaggi che incontrate nel sogno, e pilotare il sogno stesso anche se in quel momento state dormendo.

La classe principe del sogno è quella del sogno lucido: essere, cioè, coscienti durante il sogno. Abbiamo la capacità, in ogni momento, di pilotare il contenuto dei sogni e di essere coscienti, in ogni istante, delle nostre possibilità di controllo.

In quest’ambito si prospettano, dunque, molte opportunità:

  • risolvere direttamente paure e problemi;
  • migliorare le nostre performances: ad esempio, fare un training per imparare a giocare meglio a tennis, o imparare una lingua straniera;
  • sperimentare situazioni che nella dimensione corrente, a causa dei vincoli fisici e sociali, sono fortemente limitate;
  • attingere informazioni future dagli spazi precognitivi;
  • risolvere incubi;
  • stimolare la creatività;
  • espandere la conoscenza in qualsiasi direzione;
  • ecc.

 

La dimensione del sogno rende possibile l’accesso ad ambiti liberi da vincoli e limiti spazio temporali, dove possiamo intuire (trovare) la nostra origine. Pertanto, ogni notte ci offre la possibilità di tornare (immergerci) alle nostre radici (origine).

Purtroppo, però, la nostra coscienza è talmente indirizzata verso la parte fisica e materiale di questo mondo, che il ricordare il sogno vissuto diventa sempre più raro. Ciononostante, ciascun lettore è certamente in grado di ricordare almeno un sogno importante e incisivo, che ha mosso qualcosa nella sua vita. Questa è una motivazione sufficiente per far rivivere in sé la dimensione del sogno, dischiudendo almeno un poco la porta della propria vera essenza.

Dottor Paul Kircher (Fonte: Lumen, maggio 2005)

Vi consiglio di andare sul sito “tg0” per completare la lettura

Perchè sogniamo?


Che dirvi di più ,cari amici viandanti,che non sia già stato detto ….

Piu’ importanti per me sono le vostre riflessioni e le vostre opinioni a tal proposito…

vi aspetto..e buoni sogni 

foto presa da http://www.highrender.com/Immagini/Immagini/Sogni.jpg

Informazioni su nunzy conti

“L’Astrologia può essere definita come il primo tentativo, fatto dall’uomo, per portare nella sua vita di incertezze e paure, la sicurezza e l’ordine che egli intravvedeva nel cielo”(Dane Rudhyar). Astri e contrasti nasce con l’obiettivo di fare ordine nel caos,eliminare il grigio della mediazione, oltre a imporsi di semplificare il linguaggio per permettere a voi cari viandanti la decifrazione di un codice astrologico molto spesso negato ai più . Nunzy Conti
Questa voce è stata pubblicata in Cultura, Pensieri e parole, Sogni e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

29 risposte a Sogni? Si grazie!

  1. ivano81 ha detto:

    Io sogno spesso, e ricordo quasi sempre i sogni,per non parlare di quelli lucidi…talmente lucidi, da farti svegliare con le emozioni ampliate,come se fosse stato tutto reale ! Io credo che nel sonno l’anima si liberi,perche’ un po’ di volte mi son capitati pure sogni premonitori, e sogni un po’ “bizzarri” (zietta,vorrei dirti di piu’, ma qui mi ricoverano !!!) !

  2. nunzy conti ha detto:

    …ma zietta è reperibile in privata sede…e i racconti dei sogni sono per me nutrimento…
    se poi ritengo che l’anima in questione è un anima eletta e privilegiata e in più legata a me da un puro sentimento amicale…..beh direi che non indugiare….la zia nutella può aiutarti a dipanare la matassa…
    dolce notte cucciolo 🙂

  3. nunzy conti ha detto:

    ..e poi se qualcuno qua ritiene che siamo da ricovero…..
    io ti dico:
    “NON TI CURAR DI LORO MA GUARDA E PASSA”
    ..altro grande insegnamento di mio padre…
    😉

  4. donnaemadre ha detto:

    Caro Ivano, qui sesto senso, terzo occhio, sogni premonitori e q.a. sono di casa, quindi a parlare con noi di certe cose non ti devi preoccupare.

    Piuttosto, io da un po’ di tempo raramente ricordo i sogni, e questo mi dispiace; la cosa positiva è che ormai da secoli non ho incubi, e quando qualcuno mi dice che ne ha avuti quasi stento a capire di cosa parli.

    Per quanto riguarda la gente che non crede neanche al pancotto, ha ragione Nunzy,

    Fama di loro il mondo esser non lassa;. misericordia e giustizia li sdegna:. non ragioniam di lor, ma guarda e passa.

    Veramente è un peccato non poter parlare liberamente di certe cose, sarebbe una ricchezza per tutti: e chi invece ne parla è spesso non un pazzo, ma una persona in malafede, che mira a turlupinare i creduloni.

    Io ho una parente che ha sogni premonitori frequentissimi, e non ne parla, se non con noi di famiglia, e poi, quando i fatti si verificano, tocchiamo con mano che è vero; per contro ce n’è un’altra che, rigorosamente a posteriori, quando accade qualcosa, giura che lei l’aveva sognato…

    *** ovviamente non le crede nessuno… ***

  5. ivano81 ha detto:

    Grazie Diemme per l’appoggio,dico sul serio ! 🙂

  6. nunzy conti ha detto:

    @diemme
    ..viaggiamo in sintonia sempre..mia cara
    a più tardi per una risposta più dettagliata
    ciao

  7. stellasolitaria ha detto:

    Cara carissima Nunzy, tanti bacissimi!!!
    Qualche giorno fa pensavo proprio di scrivere un post sui sogni, in particolare sui miei sogni, ma tu mi hai anticipato.
    A me è sempre capitato di sognare e poi di svegliarmi nel mezzo della notte e di raccontare a me stessa il sogno e poi dire: si te lo ricordi e lo puoi raccontare, ma poi al mattino non me li ricordavo più.
    C’è solo un sogno che penso di aver fatto ai tempi delle superiori che mi ricordo, anche se oggi me lo ricordo un po’ sfocato. Ci siamo io, la mia nonna materna che veglia su di me da quando sono nata e ora è qui con me (e poi Ivano parli di pazzi…di me cosa diresti allora) mio papa e una grotta. Lei entra nella grotta e c’è una scossa e lei diventa come una crema e viene messa in un vasetto di vetro e cosparsa sulle foderine della giuglietta di mio papa’ (sai quelle pelose che facevano caldo sempre marroncine che io e mio fratello odiavamo)…non l’ho mai dimenticato!!!
    Non c’è altro sogno che io ricordi!!!
    Ci sono i sogni ricorrenti che sono sempre uguali.
    Quando ero ragazzina c’era quello della piscina: io nuoto e poi all’improvviso non c’è più nessuno e io voglio uscire e nessuno mi sente…mi viene l’ansia il panico…aiuto (non lo faccio più da anni)
    Continuo a fare l’altro sono ricorrente: sono a letto e cerco di accendere la luce e la luce non va e poi qualcuno mi mette la mano sulla bocca e io svengo…sempre uguale…sempre la stessa ansia quando mi sveglio…sempre reale…non sembra uno dei soliti sogni…è una vita che lo faccio e provo sempe le solite emozioni…
    ah no ho sognato un paio di volte la mia nonna materna ma non ricordo nulla
    bacissimi

  8. nunzy conti ha detto:

    @ivano
    caro ivano la zietta oggi è stata impelagata in faccende familiari…ma non ho dimenticato.
    anche perchè il sogno che hai fatto è particolare
    e merita un attenta risposta.
    spero domani di poterti spedire mail
    dolce notte cucciolo

    @stellasolitaria
    anche noi ci rimandiamo a domani
    un abbraccio e nottenotte

  9. Alberto ha detto:

    Ciao Nunzy cara, finalmente riesco a leggere tutto il post!
    Io adoro sognare, dormirei solo per quello, e certe volte maledico i turni perchè non riesco a dormire come vorrei!
    Penso che proprio questo argomento non potrà mai essere fonte di discussione su chi è o meno “strano”, perchè a tutti è successo almeno una volta di aver avuto una situazione davvero particolare!
    Da parte mia, ancora ricordo un sogno fatto all’età di 4 anni, e non mi sbaglio perchè ero piccolo, dormivo accanto ai miei, e quella notte mi svegliai piangendo come un matto.
    Il ricordo è nitido e non lo dimenticherò mai:
    vedevo una jeep che si fermava davanti a noi e dei soldati portavano via mia madre.
    A quell’epoca andavo all’asilo, però il ricordo lo porto sempre con me.
    Dopo anni si è avverato purtroppo, anche se con modalità differenti.
    Ma è la vita, non un sogno.
    Il 4° livello è quello dove mi rispecchio maggiormente, quando riesco a sognare in questo modo tante cose poi sono ben chiare.
    Siamo talmente complicati che parlarne in modo così ridotto è uno spreco.
    La vicenda che mi ha appassionato più di tutte è stata quella del bambino inglese che diceva di ricordarsi la sua vita precedente in Scozia, documentario che Voyager ha trasmesso diverse volte.
    Lì non puoi spiegare davvero nulla.
    Ovviamente ognuno ha le sue teorie!
    Buona giornata Nunzy!

  10. nunzy conti ha detto:

    @ivano
    Ho confrontato le mie teorie sul tuo sogno con un’altra persona…del settore..
    caro cucciolo ..c’è da riflettere..
    ma che fossi un anima eletta..zietta lo sapeva già 😉

    @Alberto
    il tuo sogno nasconde un alone di premonizione….
    ma per un buon cancro ..quasi una condanna..
    comunque più tardi ti spiego qualcos’altro..
    buona cena

  11. nunzy conti ha detto:

    @Stella solitaria
    Come promesso (ahimè il mio tempo è un idea senza proporzioni!!!) sono qui per cercare di capire
    i sogni che fai..
    Ci vorrebbe un trattato di psicologia..mia cara…
    in poche righe hai raccontato te più di quanto non lo fai già..nel senso che per chi sa leggere fra le righe..la tua ansia e le tue paure sono racchiuse nei tuoi incubi..
    Il tuo inconscio spinge da sempre ad una rivelazione..ti sta parlando ..perchè non è ascoltato..
    (nel dire questo non intendo che tu sia la sola sorda all’ascolto..ahimè questo è quello che succede al 90% dell’umanità)
    Il sogno di tuo padre e la grotta è un sogno rivelatore…la crema materna è il nutrimento emotivo di cui tuo padre difetta…nei tuoi confronti e in quelli del mondo..è come se la nonna che ti protegge cerca di portare quella capacità a suo figlio che ritiene troppo chiuso nel suo dolore..e incapace di trasmettere l’amore di cui è capace…
    la crema viene messa sulla macchina come per dire …ti proteggo da ciò che può essere pericoloso..nella macchina io vedo tutto il meccanico e razionale che potrebbe essere una modalità attuata per nascondere le emozioni….
    troppo ci sarebbe da dire su questo sogno…..
    Quello della piscina invece mi lascia convinta che la tua grande emotività in cui la bambina nuota tranquilla(l’acqua rappresenta la luna ,le emozioni)
    lalascia orfana di comprensione e allora si sente sola .perchè intorno a lei non c’è nessuno in grado di capirla…e finchè hai nuotato in quella piscina hai avuto la possibilità…di venir fuori..quando si smette si deve tristemente riconoscere che la sordità intorno a te ti ha arreso..e allora quella bambina avrà incominciato a relazionarsi con una modalità diversa..
    un mondo interiore immenso e una parte esterna sicuramente che avrà fastto credere di essere più menefreghista e indifferente..più occupata a realizzare se stessa innescando un comportamento a tratti eccessivamente egoico….(ma è una maschera)
    L’incubo legato alla luce….mi parla di ansia per cercarsi..la paura di scoprirsi di rivelarsi a se stessi…
    fino all’angoscia di essere azzittiti a noi stessi per la paura di cambiare..o di scoprire che dentro di noi quella luce che non troviamo vuol dire che adesso siamo al buio del nostro inconscio
    ***ovviamente è una mia teoria…fammi sapere***
    ti abbraccio

  12. nunzy conti ha detto:

    @alberto
    Finalmente posso risponderti..
    nel tuo commento hai dichiarato delle profonde verità…e il gusto di sognare soprattutto in fase 4°è proprio dei figli della luna..cancerini doc..nelsenso che a loro sono date le emozioni come risposta a ciò che succede intorno e quindi attraverso il sogno e l’abbandono della parte razionale si può lasciarsi andare ad una comprensione più alta del mistero racchiuso nei nostri giorni..
    Ilsogno su tua madre ahimè..è così chiaro purtroppo
    lì il nostro inconscio ci squarcia il velo e per un attimo ci fa vedere qualcosa che succederà lacerante e drammatico per noi..proprio a dirci che nulla possiamo per impedire ciò.
    Infatti la venuta dei militari a portarla via ti racconta proprio della Forza che la porta via e del “nulla è possibile perchè non dipende da me”
    I militari rappresentano il poter distruttivo della guerra…il dover affrontare una battaglia anche se non l’hai cercata..La nostra personale impotenza di fronte al destino….
    e quel bambino ha visto questo..
    ma mi fermo qui… per quelle stesse ragioni emotive che mi spingono a “sentire” che non devo più di così
    non qui
    non adesso
    non in questo luogo….
    tiabbraccio

  13. Alberto ha detto:

    Grazie della tua risposta Nunzy!
    Vedi, io sono sempre stato diffidente nel credere a certe cose, ho sempre dati una mia risposta personale a certi eventi, senza necessariamente associarli all’astrologia per citare te.
    Però apprezzo veramente ciò che scrivi, perchè sento che quello che dici non è forzato o inventato.
    E’ piacevole e rilassante.
    Quello che leggo mi genera fiducia.

    A quel sogno ho sempre attribuito parte della mia vita, perchè se lo ricordo è dovuto solo al fatto che purtroppo l’ho dovuto associare alla morte prematura di mia madre.
    Se così non fosse stato, avrei sicuramente associato tutto alla scena di un film di Sophia Loren, La Ciociara, che sicuramente nel mio subconscio di allora associai ad un mio sogno.
    Ricordo ancora la scena di lei che insieme alla figlia, scappa dagli americani che la inseguono in jeep.

    Beh, una risposta c’è sempre a tutto, no? 😀
    E se mai no ti sentissi di rispondere qui, perchè le tue sensazioni sono troppo personali, scrivimi pure una mail, sarò felice di leggere nella calma di casa le tue parole.
    Un abbraccio sincero,
    Alberto.

  14. stellasolitaria ha detto:

    Tanto materiale per riflettere poi torno…bacissimi e grazie millissime

  15. nunzy conti ha detto:

    @alberto
    Ritengo legittima la tua opinione..anche se lo sai io dò una valenza maggiore ai sogni..soprattutto a quelli come il tuo..e non c’entra l’astrologia…
    ma l’infinità della emozioni che ci portano a sentire quando siamo vicini a un qualche avvenimento drammatico…il dolore anticipato..la rivelazione inconscia…che spesso viene tradotta con immagini e persone che nella vita ci hanno colpito..
    ma sempre inmodo subliminale..
    Ti abbraccio e non mancherò di continuare il discorso privatamente…

  16. LiLa ha detto:

    sono inciampata nelle tue parole, attratta dal piccolo principe in maggio e poi mi sono fatta scivolare in queste pagine, troppo accoglienti per rifiutarle.
    Il mio petit prince, l’amicizia, le coincidende in cui io non riesco a credere perchè il caso non esiste, Dio.
    Ho trovato qui una parte di me, di quelle che sono sempre presenti nella mia parte piu sensibile.
    di quelle che fanno stare bene anche quando è una giornata no.
    di quelle che quando le guardi, anche se sono tue, ti si apre un mondo davanti e sembra la prima volta.
    di quelle che vivi, in continuazione, perchè non puoi fare altrimenti!
    grazie.
    a te che mi hai portato qui a vedere questo me.
    LiLa

  17. nunzy conti ha detto:

    @lila
    “Ho trovato qui una parte di me, di quelle che sono sempre presenti nella mia parte piu sensibile.
    di quelle che fanno stare bene anche quando è una giornata no.”
    ..Grazie ..per queste parole e per tutto il commento..
    Perchè quando sei nella strada…e cammini con buoni viandanti..Dio nella sua infinità bontà..non può che mandarti in dono in queste fatidiche giornate NO,un anima come te….
    e ricordarmi sempre e soprattutto che
    “L’essenziale è invisibile agli occhi”

  18. nunzy conti ha detto:

    @per alberto e tutti
    posto il link di un articolo (è breve) sull’importanza dei sogni di LIDIA FASSIO

    http://www.eridanoschool.it/articoli/articoli_di_astrologia_eridanoschool.asp?Id=19
    Buona lettura

  19. stellasolitaria ha detto:

    Nunzy, mi vieni a trovare? C’è un postettino sui sogni (ho utilizzato la tua interpretazione x scrivero)…ma non ti ho chiesto il permesso!!! Sorry, ma mi ha così tanto colpito che non potevo non darle l’importanza che si merita. Un sorriso grande amica mia preziosa…

  20. nunzy conti ha detto:

    ….sono andata e ho letto…
    e sono felice che hai messo in moto tali considerazioni..
    jung diceva :DIVENTA QUELLO CHE SEI…questo è il nostro obiettivo anche se in viaggio verso l’inconscio si possono incontrare spesso parti di noi che ci piacciono meno!!!
    “INDIVIDUARSI” è IL VIAGGIO PIU’ BELLO CHE SI POSSA FARE…..;)
    ciaociao

  21. Alberto ha detto:

    Nunzy, grazie per la tua segnalazione, ho letto ed appreso cose che parzialmente già sapevo, ma che con piacere ho ripreso e conservato nelle mie memorie.

    Paradossalmente, da quello che si legge, sembrerebbe proprio che l’uomo col progresso, stia poco alla volta distruggendo quello che in passato fu la molla che fece scattare la sua evoluzione.
    Devo cominciare a credere realmente a chi dice che l’uomo è il vero parassita della terra? 😦
    Buona giornata e a presto!

  22. stellasolitaria ha detto:

    Anch’io riflettero’…ho preso in prestito il tuo pensierino x fargli fare compagnia agli altri che hai lasciato da me…buona giornata e bacissimi

  23. nunzy conti ha detto:

    ..stella solitaria
    ben fatto!!!
    smack e buona giornata!!!

  24. stellasolitaria ha detto:

    Nunzy volevo solo dirti grazie di esserci e ti auguro una buona serata…ti dedico la mia cena…la torta salata di alberto m……che profuma…grazie ALberto…poi vi dico bacissimi

  25. nunzy conti ha detto:

    @alberto
    ..ci ho pensato oggi alla tua affermazione:
    “l’uomo è il vero parassita della terra”
    e ho riflettuto su quanto una singola parola usata a proposito possa sintetizzare un intero concetto… e penso proprio di si…
    l’uomo come parassita attacca la natura da sempre e questa gli si rivolta contro ormai da troppo tempo..inascoltata…
    …l’ascolto dell’inconscio attraverso il sogno impedisce che questo accada anche a livello individuale..
    Individuarsi attraverso l’ascolto dei segnali potrebbe impedire persino la malattia..che inevitabilmente insorge…quando inmpediamo alla nostra vera natura di emergere.
    Siamo ammalati come il nostro pianeta
    Grazie per questa riflessione..

    ***voglio assaggiare anche io la torta salata 😦 io adoro le torte salate!!!***

    @stella solitaria
    cara stella buona torta salata dello zio alberto ..e buona serata..

  26. Pingback: I mille colori dell’anima… « Alberto La Rocca

  27. stellasolitaria ha detto:

    Buona giornata a tutti voi…era una delizia…

  28. nunzy conti ha detto:

    @Alberto
    grazie.. 😳
    ..e io ribatto….I MILLE COLORI DI TE
    (che tra l’altro è il titolo di un mio scritto..prima o poi lo pubblico…)

    @stella cara ..sono pronta per assaggiarla anche io…. 🙂
    eh eh adoro le torte salate::::
    l’ho anche scritto da alberto…..
    cioaciao

  29. stellasolitaria ha detto:

    E la riflessione continua, alla ricerca di me stessa.

    Quando in ufficio dico che parto per un viaggio alla ricerca di me stessa (e coincide anche con le mie vacanze) più volte mi è stato risposto: ma non ti sei ancora trovata??? Io mi cerco ogni giorno, in ogni cosa che faccio con amore ed entusiasmo!!!

    Alla gente che mi frena: dico no grazie, ma non puoi frenarmi. Se avete paura delle emozioni, dei sorrisi, dei soli a mezzanotte io non faccio per voi, come amica o come donna, non faccio per voi.
    Qualche mese fa mi sono fermata nella mia corsa da sola in campi sterminati. Mi sono fermata ad assaporare momenti, colori, musiche e sapori. L’ho fatto perchè volevo farlo, anche se ero stata fermata nella mia corsa da sola. Ho trovato un pezzettino di me e ora dico: io corro verso la mia luce, io cerco ogni parte di me.

    Sai nunzy, una cosa strana, anche se non casuale, e forse neanche strana. Da quando mi sono fermata ad ascoltare il mio io sognatore la mattina ricordo i sogni e mi sveglio con un sorriso nuovo. Era sorda, perchè non lo volevo ascoltare. Ora lo voglio ascoltare e anche lui mi aiuta nel mio lungo grande viaggi alla ricerca di me!!!

    Grazie di essere mia compagna di viaggio!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...