“Lasciate che i Bambini vengano a me”

“Quando parlo o gioco con un bambino, un istante della mia vita si unisce a un istante della sua e questi due istanti hanno la stessa maturità.”

(Korczak)

054_ab679lasciate-che-i-bambini-vengano-a-me-posters

Dite:

è faticoso frequentare bambini.
Avete ragione.

Poi aggiungete:

bisogna mettersi al loro livello,
abbassarsi,inclinarsi,
curvarsi,farsi piccoli.

Ora avete torto.

Non è questo che più stanca.
E’ piuttosto il fatto di essere obbligati ad innalzarsi
fino all’altezza dei loro sentimenti.
Tirarsi,allungarsi, alzarsi sulla punta dei piedi.
Per non ferirli.

Janusz Korczak

janusz_korczak

“Il bambino pensa con il sentimento, non con l’intelletto”.

Janusz Korczak (Varsavia,22 luglio 1878 o 1879-Campo di sterminio di Treblinka, 1942)  non era uno psicologo, ma aveva trovato la chiave per entrare nel mondo dei bambini. Era pediatra, pedagogo, scrittore, poeta, libero pensatore. Era anche ebreo (il vero nome era Henryk Goldzmit) e per questo ha terminato prematuramente la sua vita nel campo di sterminio di Treblinka nel 1942 assieme a duecento bambini ospiti di quella Casa dell’Orfano che dirigeva da circa trent’anni a Varsavia.

Fu deportato insieme a tutti i bambini ospiti dell’orfanotrofio ebraico del ghetto  e nonostante molti inviti a lasciare il ghetto egli non cedette mai al potere nazista.

Il bambino secondo Janusz Korczak

L’opera e le idee di Korczak sono poco note nel nostro Paese perché solo da pochi anni alcuni dei suoi scritti più significativi sono stati tradotti e pubblicati dalla casa editrice Luni. La sua opera principale si intitola “Come amare il bambino” ed è stata scritta tra il 1914 e il 1918 e pubblicata in polacco nel 1920. Questo saggio, a nostro giudizio, non ha semplicemente un valore storico, ma contiene pensieri e riflessioni di grande attualità, in grado di stimolare e illuminare il nostro lavoro con i bambini.

Carichiamo (l’infanzia) del fardello dei doveri dell’uomo di domani, senza riconoscerle alcuno dei diritti dell’uomo d’oggi.

Il bambino cresce, vive con intensità sempre maggiore, la sua respirazione si fa più rapida, il cuore batte più veloce; costruisce il suo essere, si sviluppa, si addentra più profondamente nella vita. Cresce giorno e notte: durante il sonno, mentre gioca, ride o piange e anche quando commette delle sciocchezze.

(…) e quando finalmente il domani è arrivato, noi aspettiamo ancora, giacchè l’opinione di fondo che il bambino non è ancora nulla, ma che sarà, che non sa ancora nulla, ma saprà, che non può ancora nulla, ma potrà, ci costringe ad una continua attesa. La metà dell’umanità non esiste nel pieno senso della parola; la sua vita non è che un gioco; le sue aspirazioni sono ingenue, i suoi sentimenti fugaci, le sue opinioni ridicole. I bambini sono diversi dagli adulti, manca qualcosa nella loro vita, eppure c’è qualcosa in più che nella nostra.

I bambini costituiscono una percentuale importante dell’umanità, delle sue genti, popoli e nazioni, in quanto abitanti, concittadini nostri, nostri compagni di sempre. Sono stati, sono, saranno. Una vita tanto per ridere non esiste. No, l’infanzia sono lunghi e importanti anni nella vita di un uomo.

Lasciamo che il bambino si abbeveri fiducioso nell’allegria del mattino (…)

(a cura di Alessandro Volta)

(Consiglio vivamente di continuare la lettura su VOCIDIBIMBI )

Opere di Korczak edite in italiano:
“Come amare il bambino” (1920) 1996 Luni
“Il diritto del bambino al rispetto” (1929) 2004 Luni
“Quando ridiventerò bambino” (1924) 1995 Luni
“Diario del ghetto” 1997 Luni


Informazioni su nunzy conti

“L’Astrologia può essere definita come il primo tentativo, fatto dall’uomo, per portare nella sua vita di incertezze e paure, la sicurezza e l’ordine che egli intravvedeva nel cielo”(Dane Rudhyar). Astri e contrasti nasce con l’obiettivo di fare ordine nel caos,eliminare il grigio della mediazione, oltre a imporsi di semplificare il linguaggio per permettere a voi cari viandanti la decifrazione di un codice astrologico molto spesso negato ai più . Nunzy Conti
Questa voce è stata pubblicata in Amore, Cultura, Libri cibo per la mente, storie e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a “Lasciate che i Bambini vengano a me”

  1. Cocodix ha detto:

    Io sono un maestro elementare e ti dirò che mi diverto come un pazzo a fare il mio lavoro (e lo faccio con passione) perché mi sento anche io molto bambino quando sono con loro. Bisous.😀

  2. Lady Ginevra ha detto:

    Brividi. Un po’ perché siamo state attratte dalla stessa immagine ( http://donnaemadre.wordpress.com/2008/04/24/creati-per-dare/ ) e questa “comunione” ormai non ci stupisce neanche più, ma per i brani che ci proponi, e poi per la storia di Korczak.

    E ancora, perché i bambini sono tutto il mondo: io ho avuto tanto a che fare con i bambini, e sono un universo d’amore incredibile (faticoso, decisamente… ), che riescono a dare ciò nessun adulto potrà mai.

  3. nunzy conti ha detto:

    @cocodix
    ..l’avevo detto che profumavi di buono..
    i “vecchi”(si fa per dire😉 ) cari maestri di una volta..sempre più rari..
    sono convinta che i tuoi cucciolotti ti adorano!!!!
    ciaoooooooo

    @LG
    …mi fai venire in mente una vecchia canzone di Morandi
    UN MONDO D’AMORE
    C’è un grande prato verde
    dove nascono speranze
    che si chiamano ragazzi
    Questo è il grande prato dell’amore.

    Uno non tradirli mai, han fede in te
    Due non li deludere, credono in te
    Tre non farli piangere, vivono in te
    Quattro non li abbandonare, ti mancheranno
    Quando avrai le mani stanche tutto lascerai
    per le cose belle ti ringrazieranno
    piangeranno per gli errori tuoi..

    C’è DA RIFLETTERE MIA CARA AMICA..soprattutto stanotte..per i miei poveri neuroni….
    ***secondo me la sincronia è un gene di “famiglia”😉 ***

  4. statuario ha detto:

    non sono mai stato purtroppo un ragazzo troppo acculturato,e sinceramente non avevo mai sentito parlare di Korczak,chiedo enormemente venia a tutti..però ho letto come si apriva il post,e l’immagine scelta in alto,e mi è subito venuto in mente il testo di una canzoncina che mia mamma cantava a me e alle mie sorelle quando eravamo molto piccoli..sono parole mie,un testo cantato per me,e sono un pò geloso di quelle parole,ma voglio comunque postartele qui di seguito Nunzy perchè hai l’animo trasparente,un pò come me forse…

    Caro Gesù Bambino,
    tu che sei tanto buono,
    fammi questo piacer,
    lascia una volta il ciel
    e vieni a giocare,a giocare con me…
    Lo sai che babbo è povero,
    ed io non ho giocattoli,
    sono un bambino buono,
    come lo eri tu..

    ..Vieni Bambino Gesù..

    Però vedrai se vieni,
    noi ci divertiremo,
    anche senza balocchi..

    ..Vieni Bambino Gesù..

    Spero di aver toccato anche se di sfuggita,le corde nascoste dell’arpa che porti dentro di te…

    Un abbraccio.
    Fabio.

  5. Cocodix ha detto:

    😳
    Supergrazie e superbacionissimi.
    SMACK!!!

  6. Lady Ginevra ha detto:

    E poi… i bambini fanno oh!

  7. nunzy conti ha detto:

    @statuario
    …di sfuggita no….
    mi hai riportato me bambina…
    e una filastrocca recitata la notte di natale…da una maldestra”aspirante attrice” con la erre moscetta ma così moscetta che il gene forte e passato a mio filglio!!!
    i pochiversi che ricordo sono..
    “Son piccina,lo vedete
    e dir molto non potrò
    Cara mamma
    buon papà
    io vi voglio tanto bene
    e se son tanto biricchina
    è perchè sono solo una bambina
    Ma ho promesso al buon GEsù
    che il mio cuore piccolino
    tanto amore vi darà….😳
    ***grazie Fabio***

    @cocodix
    ..sta cucciolina ha dato tanti guai alla sua maestra….
    però ero tanto affettuosa…e ho sempre pensato che raccogliere le menti così splendide di cucciolotti in erba fosse un dono meraviglioso….ma anche una fatica enorme…riuscire a nondeluderli mai!!!!!!!!
    Oggi poi che già a tre anni ti fanno certe domande che ti lasciano basita!!!!
    ciaoooooooooooo

    @lady Ginevra
    …va beh…
    allora lo fai apposta!!!
    questa è la canzone che ha cantato olj al mio amore con tanto di dedica e registrazione!!!!
    giuro c’è l’ho ancora..te la devo far sentire!!!!
    ***dolce notte***😉

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...