« I bambini soltanto sanno quel che cercano… » (De Saint-Exupéry, Il piccolo principe, cap. XXII)

“A tutti i grandi che sono stati bambini

ma non se lo ricordano più”

“Il fascino di questo racconto sta nella sua disarmante semplicità. Ci insegna tante cose che abbiamo dimenticato crescendo. Perciò esso non può essere considerato solo un libro per bambini; ha molto da dire anche ai grandi. L’autore, in maniera originale e magica, descrive il mondo degli adulti attraverso gli occhi innocenti di un bambino evidenziandone i comportamenti irragionevoli e talvolta inutili. Il piccolo principe vive su un pianeta talmente piccolo che può ammirare gli adorati tramonti ogni volta che vuole semplicemente spostando la sedia. Sua unica compagnia una rosa il cui seme è arrivato lì chissà da dove. A dire la verità si tratta di una rosa un po’ capricciosa e ingrata che esaspera talmente il piccolo principe da farlo scappar via, approfittando della migrazione di alcune rondini. Il suo è un viaggio lungo e tortuoso durante il quale incontra personaggi bizzarri che gli mostrano un mondo fino a quel momento sconosciuto. C’è chi conta e riconta le stelle sostenendo di possederle come un capitale; chi si crede di regnare sull’universo intero quando non c’è nessuno a sapere della sua esistenza; chi è ligio al suo dovere al limite del paradosso; chi è vanitoso e vive nell’attesa di qualcuno che lo ammiri. Ogni personaggio rispecchia un aspetto diverso della vita degli adulti. Giunge infine sulla Terra che è il più grande tra i pianeti visitati e di gran lunga il più interessante. Incontra una volpe che, nonostante sia diffidente con gli uomini, di fronte all’ingenuità del protagonista, vorrebbe farsi “addomesticare” per essere l’unica al mondo e non uguale a centomila.. Addomesticare è una cosa dimenticata da molto tempo ormai e vuol dire “creare legami””

“A volte dobbiamo allontanarci da chi amiamo per capirne l’importanza e il valore; e a volte abbiamo bisogno di un amico che ci insegni e che ci guidi in situazione difficili da comprendere.
Infine incontra chi narra questa storia, l’aviatore dispersosi nel Sahara, che, impegnato nella riparazione del suo aereo, non si accorge immediatamente di quanto prezioso sia quel bimbo strano.
Ma presto tra di loro nasce una stretta amicizia che li arricchirà solo come le vere amicizie sanno fare e che li terrà sempre vicini nonostante le distanze geografiche.

Un libro senza tempo e senza età per tutti coloro che amano creare legami, credono nell’amicizia e nei rapporti semplici e veri. Un libro per i ragazzi. Un libro per gli adulti affinché non dimentichino mai di essere stati bambini.”

(letto su my library-blog)

Tante sono le frasi indimenticabili che troviamo nel libro..di cui il video è solo un breve assaggio ,anche se voi cari amici viandanti..lo sapete ormai tutti  che la più importante   scolpita dentro il mio cuore  e che dà il titolo al mio blog rimane per sempre

““Non si vede bene che con il cuore. L’essenziale è invisibile agli occhi”

Godetevi ancora una volta questo memorabile incontro

Il piccolo principe e la volpe

Informazioni su nunzy conti

“L’Astrologia può essere definita come il primo tentativo, fatto dall’uomo, per portare nella sua vita di incertezze e paure, la sicurezza e l’ordine che egli intravvedeva nel cielo”(Dane Rudhyar). Astri e contrasti nasce con l’obiettivo di fare ordine nel caos,eliminare il grigio della mediazione, oltre a imporsi di semplificare il linguaggio per permettere a voi cari viandanti la decifrazione di un codice astrologico molto spesso negato ai più . Nunzy Conti
Questa voce è stata pubblicata in Amicizia, Amore, Antoine de Saint Exupery, Il piccolo principe, L’essenziale è invisibile agli occhi, Letteratura, Libri cibo per la mente, video e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

12 risposte a « I bambini soltanto sanno quel che cercano… » (De Saint-Exupéry, Il piccolo principe, cap. XXII)

  1. alanford50 ha detto:

    Innanzitutto un bel ciao.

    « I bambini soltanto sanno quel che cercano… »

    Questa frase mi sta rimbalzando in testa, perché non riesco a farla mia, questa affermazione non credo che risponda a verità, o per lo meno che sia effettivamente rispondente ad un senso completo di verità, io sono più propenso a pensare che quella differenza tanto paventata tra i bambini e gli adulti sta nel fatto che i bambini cercano a prescindere dal sapere cosa, dal dove e dal perché, loro cercano anche quello che non sanno e non conoscono, e proprio su questo verbo si nasconde l’arcano che fa la differenza, sta proprio nella consapevolezza del sapere quello che fanno, quello che per me rende magico il mondo del bambino è la gratuità della ricerca, slegata da qualsiasi logica se non quella di fare e vivere quello che la vita gli pone loro davanti, mentre il verbo “sanno” è molto più appropriato a parere mio agli adulti che sicuramente essendo capaci di gestire la loro parte di intelligenza logica sanno cosa cercare, cosa volere ecc.ecc. ma l’intelligenza logica dell’adulto a differenza di quella del bambino non può più contare sullo spirito gratuito di spinta e di volontà della ricerca, ma all’adulto ne richiede sempre ogni volta una motivazione logica, per cui finisce per perdere il meglio di quello che potrebbe essere trovato, da qui il saggio proverbio “se il giovane sapesse ed il vecchio potesse” una complementarietà impossibile ai due stadi di vita.
    Scusami , mi sa che mi sono perso nei meandri delle parole, ma posso assicurarti che l’intenzione di partenza era buona, ahahah, ciaooo neh!

  2. alanford50 ha detto:

    P.S. Mi sono dimenticato la premessa relativa al contenuto del mio post precedente, ossia che tutto il mio logorroico scrivere è legato unicamente alla frase del titolo del tuo post e non al suo contenuto, io sono fatto così mi lascio cogliere da flash regalatami da frasi, immagini ecc.ecc. e il titolo del tuo post mi ha colpito, regalandomi il desiderio di rispondere a quella sensazione, ciao e perdona il mio modo di fare, ciaooo neh!

  3. Luca ha detto:

    ormai ho solo un vago ricordo di questo libro letto da “piccolo”, leggerlo da “grande” sarà un buon esperimento

    ragazzi, vedere il tramonto quando si vuole, semplicemente spostando la sedia..

  4. Diemme ha detto:

    In questo momento non riesco a parlare della volpe addomesticata…

  5. nunzy conti ha detto:

    Amici cari…prima o poi riuscirò a riprendere la mia vita..in rete..
    Vi leggo vi adoro …
    conto su di voi
    un bacio grandissimo e…per chi può..
    buone vacanzeeeeeeeeeeeeeeeeeeee

  6. Diemme ha detto:

    E io prima o poi riuscirò a riprendere la mia vita fuori delle rete😆

    Come vedi cara, tutto è relativo, e per una volta ancora siamo complementari.😉

  7. alexandra ha detto:

    alanford50 sei riuscito a farmi piangere mentre leggevo il tuo commento…

  8. alanford50 ha detto:

    @[ALEXANDRA
    Credimi non era mia intenzione farti piangere, per una volta credo di avere detto assolutamente cose belle e positive, chi mi conosce sa che mi definisco un realista, scambiato molto spesso per pessimista, anche se è una definizione che non condivido, anzi che aborro, quindi molto spesso nei miei interventi nel descrivere le cose sono tutt’altro che positivo, in questo caso invece trattandosi di tematiche relative ai fanciulli e portandomi dietro ricordi indimenticabili della mia gioventù, ricordi limpidi e assolutamente positivi, non ho potuto che scrivere quello che ho scritto, pur non essendo religioso, riconosco ai fanciulli che hanno la fortuna di vivere il proprio tempo serenamente la gioia di vivere una specie di stato di grazia, cosa che l’adulto complice la vita per sua sfortuna dimentica quasi immediatamente.
    Ciaooo neh!

  9. janette ha detto:

    Splendido libro! Davvero senza tempo…
    Ciaoo

  10. nunzy conti ha detto:

    @janette
    ..si amica cara..senza tempo ne fine alcuna🙂

  11. nunzy conti ha detto:

    @Alan
    …..non farci mancare la tua voce …un pò di ossigeno
    in un mondo di Mediocrità…
    grazie per la tua testimonianza
    A presto

  12. nunzy conti ha detto:

    @Luca
    …..ciaooooooooooooooooo
    come stai?????
    anche tu Figlio del piccolo principe?
    :-))

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...