DIZIONE E DINTORNI

luci019

A LEZIONE DI DIZIONE

IMPARARE A PARLARE MEGLIO..IMPARARE AD USARE LA VOCE…IMPARARE LE SEMPLICI (NON TROPPO) REGOLE DELLA LINGUA ITALIANA…IMPARARE…

BUON LAVORO ASPIRANTI ATTORI…

PRIGIONI-GIOVANNI AURIEMMA

Lo faremo a piccoli passi..insieme un pò per volta

LE VOCALI

Nella lingua italiana le Vocali vanno distinte fra:
Vocali alfabetiche, in numero di CINQUE:

a, e, i, o, u

Vocali fonetiche, in numero di SETTE:
a, è (aperta), é (chiusa), i, ò (aperta), ó (chiusa), u
Come si può notare nella categoria delle Vocali fonetiche sono annoverati due tipi di e e due tipi di o, è infatti su queste due vocali che incide la distinzione fonetica di pronuncia.
Altra distinzione necessaria per pronunciare correttamente le parole italiane è quella tra accento tonico e accento fonico.
Accento tonico è la forza che viene data ad una sillaba in particolare tra quelle che compongono la parola (Es.: tàvolo, perché, tastièra)
Accento fonico indica la distinzioni tra suoni aperti e chiusi per le vocali e ed o.

Per indicare quali vocali vanno pronunciate aperte e quali chiuse si usano due tipi di accento fonico:
Accento grave:
ò è per indicare le vocali da pronunciare aperte (Es.: pòdio, sèdia)
Accento acuto:
ó é per indicare le vocali da pronunciare chiuse (Es.: bórsa, perché)

REGOLA PRINCIPALE

Quando su una sillaba contente una e o una o non cade l’accento tonico, la e o la o si deve pronunciare sempre chiusa.
Esempio: tàvolo, lìbro, volànte, dìsco, bottìglia

Tutta la nostra attenzione sarà perciò ora rivolta alle parole che contengono una sillaba con e o con o sulla quale cade l’accento tonico.

In questo caso dovremo chiederci se la vocale e o o si deve pronunciare aperta o

La è apertaluci019

La “e” fonica aperta italiana (è) deriva spesso dalla “e” breve e dal dittongo “ae” del latino classico.
Esempi:
decem –> dièci,
ferrum –> fèrro,
laetus –> lièto,
praesto –> prèsto.

La lettera “e” ha suono aperto nei seguenti casi:

1-Nel dittongo “-ie-“

Esempi: bandièra, ièri, cavalière, lièto, diètro

Eccezioni (“e” chiusa):

nei suffissi dei vocaboli di derivazione etnica (Es.: ateniése, pugliése, marsigliése, ecc.),

nei suffissi dei diminutivi in “-ietto” (Es.: magliétta, fogliétto, vecchiétto,ecc.)

nei suffissi dei sostantivi in “-iezzo” (Es.: ampiézza)

nei vocaboli chiérico e bigliétto.

2-Quand’è seguita da vocale

Esempi: colèi, costèi, fèudo, idèa, lèi

Eccezioni (“e” chiusa):

nella desinenza “-ei” del passato remoto (Es.: credéi, ecc.),

nelle preposizioni articolate (Es.: d&eacutei, péi, néi, ecc.),

nell’aggettivo dimostrativo quéi.

3-Quand’è seguita da una consonante dopo la quale vengono due vocali

Esempi: assèdio, gènio, egrègio, prèmio

Eccezioni (“e” chiusa):

quando è seguita dalle sillabe “-gui-“, “-gua-“, “-guo-“ (Es.: diléguo, perséguo, séguito, trégua, ecc.),

Nei vocaboli di origine straniera che terminano con una consonante
Esempi: hotèl, rècord, rèbus, sèxy, prèmier, sèltz, nègus

Nei vocaboli tronchi di origine straniera

Esempi: caffè, bignè, tè (bevanda), gilè

Nelle desinenze del condizionale in “-ei”, “-ebbe”, “-ebbero”

Esempi: vorrèi, farèi, farèbbe, crederèbbero, dirèbbe, marcerèbbe, marcirèbbero, circolerèbbero, fraintenderèbbero, comprerèbbe, accetterèbbero, colpirèbbe, tradurrèbbero

4-Nelle terminazioni in “-eda”, “-ede”, “-edo”, “-edi”

Esempi: cèdo, corrèdo, erède, prèda, schèda, arrèdo, sède, sèdi

Eccezioni (“e” chiusa):

nelle forme verbali di crédere e vedére (Es.: crédo, védo, crédi, védi, ecc.)

nelle forme verbali derivate dalla precedenti (Es.: provvédo, ricrédo, miscrédo, ravvédo, intravédo, rivédo, ecc.)

nel vocabolo féde.

5-Nelle terminazioni in “-eca”, “-eco”, “-eche”, “-echi”

Esempi: tèca, èco, gèco, cortèco, trichèchi, discotèche, enotèca, bibliotèca, paninotèca, videotèca, comprendendo anche i nomi di popolo come Grèco, Guatemaltèco, Aztèco, Zapotèco, Toltèco, Uzbèco

6-Nei suffissi in “-edine”

Esempi: salsèdine, pinguèdine, raucèdine, torpèdine, intercapèdine, acrèdine

7-Nelle terminazioni in “-ello”, “-ella”

Esempi: pagèlla, mastèllo, èllo, sorèlla, fratèllo, fardèllo, spinèllo, porcèllo, padèlla, caramèlla, lavèllo, manovèlla spesso usate anche come suffissi di diminutivi e/o vezzeggiativi come asinèllo, torèllo, praticèllo, bricconcèlla, cattivèlla, orticèllo

Eccezioni (“e” chiusa):
nelle preposizioni articolate (Es.: dél, déllo, délla, déi, dégli, délle, nél, nélla, ecc.),
negli aggettivi dimostrativi (Es.: quél, quéllo, quélla, quéi, quélle, ecc.)
nei vocaboli stélla e capéllo

8-Nei suffissi di sostantivi in èma, èmo
Esempi: teorèma, anatèma, problèma, apotèma, crisantèmo, Polifèmo, eritèma, Trasimèno, falèna, altalèna, cantilèna, trèno

9-Nelle terminazioni in “-enda”, “-endo” e in tutte le desinenze del gerundio
Esempi: agènda, bènda, tremèndo, orrènda, corrèndo, temèndo, cuocèndo, aprèndo, leggèndo, facèndo, morèndo, starnutèndo, ferèndo, mettèndo

Eccezioni (“e” chiusa):

nei verbi scéndo e véndo.

10-Nelle desinenze dell’infinito in “-endere”
Esempi: appèndere, sorprèndere, attèndere, intèndere
Eccezioni (“e” chiusa):

nei verbi scéndere e véndere.

11-Nei suffissi di sostantivi e aggettivi derivati dai numerali in “-enne”

Esempi: decènne, ventènne, tredicènne, sessantènne, quarantaquattrènne

12-Nei suffissi di sostantivi e aggettivi derivati dai numerali in “-ennio”

Esempi: biènnio, triènnio, millènio, cinquantènnio

13-Nei suffissi di nomi etnici in “-eno”

Esempi: madrilèno, cilèno, nazarèno

14-Nelle terminazioni in “-ensa”, “-ense”, “-enso”
Esempi: sènso, intènso, forènse, dispènsa, mènsa, melènso, parmènse, pènso, ripènso

15-Nelle terminazioni in “-enta”, “-ente”, “-ento”, “-enti” comprese tutte le desinenze del participio presente in “-ente”
Esempi: lènte, gènte, accidènte, sovènte, corrènte, silènte, consulènte, sedicènte, seducènte, mittènte, ponènte, avènte, dormiènte, perdènte, spingènte, cedènte, contraènte, aderènte, facènte, bevènte, tagliènte

Eccezioni (“e” chiusa):
tutti gli avverbi in “-mente” (Es.: abilménte, benevolménte, incessanteménte, correttaménte, generalménte, scioccaménte, duraménte, simpaticaménte, facilménte, inopinataménte, assurdaménte, esattaménte)
nei vocaboli vénti (numero), trénta
nei vocaboli in “-mento”, “-mente”, “-menta”, “-menti” (Es.: laménto, paviménto, moménti, torménto, ménta, seménte)

16-Nelle terminazioni in “-enza”
Esempi: aderènza, sènza, partènza, urgènza, lènza, licènza, ricorrènza, invadènza, maldicènza
17-Nelle terminazioni in “-erbo”, “-erba”
Esempi: risèrbo, acèrbo, sèrbo, supèrbo, èrba, sèrba
18-Nelle terminazioni in “-erbia”
Esempi: supèrbia
19-Nelle terminazioni in “-erio”, “-eria”
Esempi: misèria, sèrio, putifèrio

20-Nelle terminazioni in “-erno”, “-erna”

Esempi: etèrno, quadèrno, lucèrna, invèrno, matèrno, tavèrna, govèrno, lantèrna

Eccezioni (“e” chiusa):
nel vocabolo schérno.

21-Nelle terminazioni in “-erro”, “-erra”

Esempi: tèrra, fèrro, guèrra, affèrro, sottèrro, sèrra, vèrro, sottèrra

22-Nelle terminazioni in “-erso”, “-ersa”

Esempi: pèrso, emèrso, vèrso, tèrso, sommèrso, dispèrsa, detèrsa, rivèrsa

23-Nelle terminazioni in “-erto”, “-erta”, “-erte”

Esempi: apèrto, copèrta, incèrto, soffèrto, consèrte, cèrto

Eccezioni (“e” chiusa):

nei vocaboli érta (salita), érto (scosceso)

nell’espressione “all’érta”.

24-Nelle terminazioni in “-ervo”, “-erva”

Esempi: sèrvo, cèrvo, risèrva, nèrvo

25-Nelle terminazioni in “-ervia”

Esempi: protèrvia

26-Nei suffissi dei superlativi in “-errimo”

Esempi: integèrrimo, aspèrrimo, acèrrimo

27-Nei suffissi dei numerali ordinali in “-esimo”

Esempi: centèsimo, millèsimo, milionèsimo, ventèsimo, trentèsimo

28-Nelle terminazioni in “-estre”, “-estra”, “-estro”, “-estri”

Esempi: alpèstre, terrèstre, palèstra, canèstro, finèstra, pedèstre, maldèstro, ambidèstro, dèstra

29-Nelle desinenze del passato remoto in “-etti”, “-ette”, “-ettero”

Esempi: credètti, dovèttero, stèttero, cedètte

30-Nei vocaboli terminanti in “-ezio”, “-ezia”

Esempi: inèzia, scrèzio, facèziaLa é chiusa

La “é ” chiusaluci019

La “e” fonica chiusa italiana (é) deriva spesso dalla “e” lunga e dalla “i” breve del latino classico.

Esempi:
cera –> céra
semen –> séme
vitrum –> vétro
capillus –> capéllo

La lettera “e” ha suono chiuso nei seguenti casi:

1. Nei monosillabi atoni
Esempi: é (congiunzione), mé, né, té, sé, ré (monarca), vé, pér
Eccezioni: (“e” aperta)
il vocabolo rè (nota musicale)
2. Nei suffissi di avverbi in “-mente”
Esempi: sinceraménte, inutilménte, praticaménte, segretaménte, popolarménte, frugalménte, correttaménte
3. Nelle terminazioni in “-mento” e “-menta”
Esempi: sentiménto, proponiménto, moménto, ménta, struménto, torménto, godiménto, struggiménto, falliménto
Eccezioni (“e” aperta):
le voci del verbo mentire: io mènto, tu mènti, egli mènte, che tu mènta, ecc.
4. Nei vocaboli tronchi in “-ché”
Esempi: perché, giacché, anziché, poiché, fuorché, sicché, macché
5. Nelle terminazioni in “-eccio”, “-eccia”
Esempi: fréccia, féccia, tréccia, libéccio, villeréccio, intréccio, cicaléccio
6. Nei sostantivi con terminazione in “-efice”
Esempi: oréfice, carnéfice, artéfice, pontéfice
7. Nei suffissi di sostantivi e verbi in “-eggio”, “-eggia”, “-egge”, “-eggi”
Esempi: campéggio, manéggio, postéggio, pontéggio, alpéggio, cartéggio, légge (sostantivo), puléggia
Eccezioni (“e” aperta):
I vocaboli: èggia, sèggio, pèggio
le forme del verbo lèggere: tu lèggi, egli lègge

8. Nei suffissi di aggettivi in “-esco”
Esempi: pazzésco, burlésco, guerrésco, goliardésco, principésco, farsésco, manésco
9. Nelle terminazioni in “-ese”, “-esa”, “-eso”, “-esi”
Esempi: arnése, frésa, sospéso, paése, francése, imprésa, péso, illéso
Eccezioni (“e” aperta):
nei vocaboli nei quali la “e” fonica forma dittongo con la “i” (Es.: chièsa)
nei vocaboli blèso, obèso, tèsi(sostantivo), catechèsi, esegèsi

10. Nei suffissi di sostantivi in “-esimo”
Esempi: battésimo, umanésimo, cristianésimo, paganésimo
Eccezioni (“e” aperta):
nel vocabolo infinitèsimo
i numerali ordinali
(Es.: centèsimo, millèsimo, ecc…)
11. Nei suffissi di sostantivi femminili in “-essa”
Esempi: dottoréssa, principéssa, contéssa, elefantéssa, badéssa
12. Nei suffissi di sostantivi collettivi in “-eto”, “-eta”
Esempi: fruttéto, meléto, pinéta, agruméto, roséto
13. Nei suffissi di sostantivi e aggettivi diminutivi e collettivi in “-etto”, “-etta”
Esempi: librétto, casétta, chiesétta, pezzétto, navétta, terzétto, quintétto, palchétto, porchétta, forchétta, carrétta, collétto
14. Nelle terminazioni in “-eguo”, “-egua”
Esempi: séguo, adéguo, trégua, diléguo, ecc.
15. Nei suffissi di aggettivi che al singolare terminano in “-evole”
Esempi: lodévole, incantévole, ammirévole, caritatévole, deplorévole, cedévole, arrendévole
16. Nei suffissi di sostantivi in “-ezza”
Esempi: bellézza, debolézza, chiarézza, salvézza, dolcézza, mitézza, arrendevolézza, segretézza
Eccezioni (“e” aperta):
nel vocabolo mèzza

17. Nelle preposizioni articolate
Esempi: dél, délla, déllo, dégli, délle, déi, nél, néllo, nélla, négli, nélle, néi, péi
18. Nei pronomi personali
Esempi: égli, élla, ésso, éssa, éssi, ésse
19. Negli aggettivi dimostrativi
Esempi: quésto, quésta, quéste, quésti, quéllo, quélla, quégli, quélli, quélle, codésto, codésta, codésti, codéste
20. Nelle desinenze del Passato Remoto in “-ei”, “-esti”, “-e”, “-emmo”, “-este”, “-ettero”
Esempi: credéi, credéste, credéttero, poté, potémmo, dicémmo, volésti
21. Nelle desinenze del Futuro in “-remo, “-rete”
Esempi: vedrémo, diréte, cadréte, volerémo, fileréte, caricherémo, toccheréte, calcolerémo
22. Nelle desinenze dell’Infinito della seconda coniugazione
Esempi: cadére, avére, volére, bére, sedére, potére, godére
23. Nelle desinenze del Congiuntivo Imperfetto in “-essi”, “-esse”, “-essimo”, “-este”, “-essero”
Esempi: dovéssi, volésse, prendéssimo, cadéste, godéssero
24. Nelle desinenze del Condizionale Presente in “-resti”, “-remmo”, “-reste”
Esempi: farémmo, vedréste, cadrésti, potrésti, vorrémmo
25. Nelle desinenze del Indicativo Presente e dell’Imperativo in “-ete”
Esempi: prendéte, cadéte, rompéte, voléte, potéte, dovéte
26. Nelle desinenze dell’Indicativo Imperfetto in “-evo”, “-eva”, “-evano”
Esempi: dicévo, facévano, mettévo, volévano, potévo, dovévano

La ò apertaluci019

La “o” fonica aperta italiana (ò) deriva spesso dalla “o” breve e dal dittongo “au” del latino classico.

Esempi:
focus –> fuòco
locus–> luògo
aurum –> òro
paucus –> pòco

La lettera “o” ha suono aperto nei seguenti casi:

1. Nel dittongo “-uo”
Esempi: tuòno, scuòla, uòmo, suòi, tuòi, buòi, vuòi, suòcera, nuòra, suòra, cuòre
Eccezioni (“o” chiusa):
quando il dittongo fa parte dei suffissi di sostantivi in “-uosa”, “-uoso”
(Es.: affettuóso, sinuóso, flessuósa, lussuósa, fruttuóso, acquósa, ecc.)
nei vocaboli liquóre, languóre.
2. Nei vocaboli tronchi terminanti in “-o” comprese le forme verbali del futuro e del passato remoto
Esempi: però, falò, andrò, arrivò, cercò, sognò, pedalò, ritirò, acquistò
3. Nei vocaboli in cui la “o” sia seguita da una consonante dopo la quale vengono due vocali
Esempi: negòzio, sòcio, petròlio
Eccezioni (“o” chiusa):
nel vocabolo incrócio.

4. Nelle terminazioni in “-orio”, “-oria”
Esempi: stòria, glòria, dormitòrio, conservatòrio
5. Nei vocaboli di origine straniera entrati a far parte del linguaggio comune
Esempi: bòxe, gòng, yògurt, lòden, lòrd, pòster
6. Nelle terminazioni in “-occio”, “-occia”
Esempi: cartòccio, saccòccia, bòccia, grassòccio, ròccia, figliòccio
Eccezioni (“o” chiusa):
nei vocaboli dóccia e góccia.

7. Nelle terminazioni in “-odo”, “-oda”, “-ode”
Esempi: bròdo, chiòdo, sòda, mòda, pagòda, chiòdo, lòdo, òdo, fròdo, fròde
Eccezioni (“o” chiusa):
nel verbo ródere e nei suoi composti
(Es.: ródo, eródo, corródo, ecc.)
nel vocabolo códa.
8. Nelle terminazioni in “-oge”, “-ogia”, “-ogio”, “-oggia”, “-oggio”, “-oggi”
Esempi: dòge, fòggia, òggi, piòggia, barbògio, allòggio, fròge, appòggia, appòggio
9. Nei suffissi di sostantivi e aggettivi in “-oide”
Esempi: tiròide, mattòide, collòide, steròide, pazzòide
10. Nei suffissi di sostantivi in “-olo”, “-ola”
Esempi: carriòla, tritòlo, stagnòla, tagliòla, bagnaròla, mariuòlo, mentòlo
Eccezioni (“o” chiusa):
i vocaboli sólo, vólo
le voci del verbo colare e i suoi derivati
(Es.: cólo, scólo, ecc.)
11. Nelle terminazioni in “-osi”, “-osio” in sostantivi usati in campo scientifico e medico
Esempi: calcolòsi, fibròsi, tubercolòsi, artròsi, ipnòsi, lattòsio, destròsio, maltòsio, saccaròsio, glucòsio
12. Nei suffissi di sostantivi e aggettivi in “-otto” e in generale nelle terminazioni in “-otto”, “-otta”
Esempi: sempliciòtto, bambolòtto, lòtto, bòtta, còtto, còtta, salòtto, dòtto, decòtto
Eccezioni (“o” chiusa):
nei verbi derivati dal latino “ducere” (Es.: indótto, condótto, ridótto, tradótto, ecc.)
nei vocaboli ghiótto, rótto, sótto
13. Nei suffissi di sostantivi in “-ottola”, “-ottolo”
Esempi: viòttolo, collòttola, naneròttolo, pallòttola
14. Nei suffissi di sostantivi in “-ozzo”, “-ozza”
Esempi: tinòzza, tavolòzza, còzzo, tòzzo, còzza, piccòzza
Eccezioni (“o” chiusa):
i vocaboli gózzo, pózzo, singhiózzo, rózzo, sózzo

15. Nelle terminazioni in “-olgia”, “-orgia”
Esempi: bòlgia, fòrgia, òrgia
16. Nelle desinenze “-olsi”, “-olse”, “-olsero” del Passato Remoto
Esempi: còlsi, tòlsero, sconvòlsero, vòlsero, vòlsi, avvòlsero, raccòlsi
17. Nel Participio Passato in “-osso”
Esempi: mòsso, scòssa, percòsso
18. Nei suffissi di derivazione greca: “-ologo”, “-ogico”, “-ografo”, “-omico”
Esempi: pròlogo, psicològico, fotògrafo, còmico

La ó chiusaluci019

La “o” fonica chiusa italiana (ó) deriva spesso dalla “o” lunga e dalla “u” breve del latino classico.

Esempi:
nomen –> nóme
cognosco –> conósco
fuga –> fóga
supra –> sópra

La lettera “o” ha suono chiuso nei seguenti casi:

1. Nei monosillabi che terminano con consonante
Esempi: cón, nón, cól
Eccezioni (“o” aperta):
nei vocaboli sòl (nota musicale) e dòn.

2. Nelle terminazioni in “-oce”
Esempi: cróce, feróce, atróce, fóce, nóce
Eccezioni (“o” aperta):
nei casi in cui la “o” sia preceduta dalla vocale “u” formando il dittongo “-uo-“ (Es.: nuòce, cuòce, ecc.)
nel vocabolo precòce

3. Nelle terminazioni in “-ogno”, “-ogna”
Esempi: bisógno, carógna, sógno, cicógna, zampógna, rampógna
4. Nei suffissi di aggettivi in “-ognolo”
Esempi: amarógnolo, giallógnolo
5. Nelle terminazioni in “-one”
Esempi: missióne, ottóne, nasóne, calzóne, coccolóne, briccóne, mascalzóne, pantalóne, giaccóne, veglióne, torrióne, bastióne
6. Nelle terminazioni in “-zione”
Esempi: azióne, creazióne, dizióne, lezióne, situazióne
7. Nei suffissi di sostantivi e aggettivi in “-oio”, “-oia”
Esempi: abbeveratóio, galoppatóio, mangiatóia, mattatóio, corridóio, feritóia, cesóia, tettóia
Eccezioni (“o” aperta):
nei vocaboli sòia, salamóia,

8. Nelle terminazioni in “-ondo”, “-onda”
Esempi: fóndo, móndo, secóndo, sónda, ónda
9. Nelle terminazioni in “-onto”, “-onte”, “-onta”
Esempi: frónte, cónto, ónta, mónte, scónto, accónto, viscónte
10. Nei suffissi di sostantivi in “-onzolo”
Esempi: medicónzolo, pretónzolo, girónzolo, frónzolo
11. Nelle terminazioni in “-ore”, “-ora”
Esempi: dolóre, amóre, óra, ancóra, finóra, attóre, candóre, tenóre, fattóre, corridóre, calóre, livóre, fervóre, colóre, nuotatóre, pescatóre
Eccezioni (“o” aperta):
nei casi in cui la “o” sia preceduta dalla vocale “u” formando il dittongo “-uo-” (Es.: nuòra, cuòre, ecc.).
12. Nelle terminazioni in “-orno”, “-orna”
Esempi: giórno, contórno, fórno, adórna, ritórna, ritórno
Eccezioni (“o” aperta):
nel vocabolo còrno, còrna, pòrno
13. Nei suffissi di sostantivi e aggettivi in “-oso”, “-osa”
Esempi: affettuóso, afóso, erbósa, gioióso, dolorósa, ambizióso, contenzióso, collósa, medicamentósa, curióso, pallósa, sediziósa, caloróso, stizzóso, baldanzósa, borióso
Eccezioni (“o” aperta):
nei vocaboli ròsa (fiore e colore), còsa, iòsa, spòsa
14. Nei pronomi personali
Esempi: nói, vói, lóro, costóro, colóro

( DA ACCADEMIA DEGLI ATTORI)


GLI SCIOGLILINGUA

Uno scioglilingua è una frase studiata appositamente per essere difficile da pronunciare. Molti scioglilingua presentano una ripetizione dello stesso suono.

CI AIUTANO  A SCIOLGLIERE L’ARTICOLAZIONE E  A PARLARE ,E RECITARE CON MAGGIOR SPIGLIATEZZA, OLTRE A CURARE I NOSTRI DIFETTI DI LINGUAGGIO CON…MOLTO ALLENAMENTO!

nonni-arzilli1

…MOLTO ALLENAMENTO!

“B”

Sull’altipian d’antroccoli c’è una biribaula con trecento biribaulini se la biribaula muore chi sbiribaulinerà i trecento biribaulini

Sei tu quel barbaro barbiere
che barbaramente barbasti
la barba a quel povero
barbaro barbone?

“C”

C’era una volta una cincibiriciaccola,
che aveva centocinquanta cincibiriciaccolini.
Un giorno la cincibiriciaccola disse
ai suoi centocinquanta cincibiriciaccolini:
“Smettetela di cincibiriciaccolare sempre,
altrimenti un giorno non cincibiriciaccolerete più”.

Il cuoco cuoce in cucina e dice che la cuoca giace e tace perché sua cugina non dica che le piace cuocere in cucina col cuoco.

Caro conte chi ti canta tanto canta che t’incanta.

“CI”

Lucio e Decio lisciano dodici gatti felici


“D”

Ho un campo di lupini da diradare; chi me li diraderà?

Due dadi Dado ha avuto in dono ma Ida e Ada gelose sono.


“F”

Filo fine dentro il foro se l’arruffi non lavoro, non lavoro e il filo fine fora il foro come un crine.

Frate Frigerio da Ferrara
fate friggere in tutta fretta
due fette di fegato fresco
per Frate Francesco da Frosinone

“GG”

Verso Maggio
con un paggio
vo in viaggio.
Non vaneggio
né monteggio;
forse é peggio!
Se mi seggo
più non reggo:
mangio o leggo.
Se non fuggo
qui mi struggo,
ma se fuggo
vado al poggio
e un alloggio
là mi foggio,
sotto un faggio
con coraggio.

“GL”

Quando il coniglio,
senza consiglio,
con la coniglia
fece famiglia,
gli nacque un figlio
e poi una figlia,
poi un altro figlio
e un’altra figlia.
Ora coniglio,
senza consiglio,
ha una famiglia
lunga tre miglia.

Sotto l’albero del tiglio
ho veduto grano e loglio
e un grazioso quadrifoglio.
Io cercavo l’erba-voglio,
tra le foglie, sotto il tiglio,
ma ho trovato solo miglio,
un cespuglio di cerfoglio,
fiori rossi di trifoglio.
Ma non c’era l’erba-voglio!

“GR”

Avevo una graticola da ringraticolare.
La portai dal capo
ringraticolatore delle graticole,
ma il capo ringraticolatore
delle graticole non c’era.
Allora me la ringraticolai da
me e me la ringraticolai meglio
del capo ringraticolatore delle graticole.

“GN”

Vedo un ragno nel suo regno,
che lavora con impegno;
e uno gnomo che fa il bagno
con un cigno nello stagno.

“M”

Un limone, mezzo limone, due limoni…
Un limone, mezzo limone, due limoni…
Un limone, mezzo limone, due limoni…

“N”

Sul mare ci sono nove navi nuove
una delle nove non vuole navigare.

“P”

Apelle figlio d’Apollo fece una palla di pelle di pollo; tutti i pesci vennero a galla per vedere la palla di pelle di pollo, fatta da Apelle, figlio d’Apollo.

Pietro Perrone, pregiato pittor perugino,
pinse pittura per poco prezzo.
Poi, pentitosi pel poco prezzo percepito,
partì per Perugia, proseguì per Palestrina, però per perfidia pagana.
Pregategli perpetua pace.

Pio Pietro Paolo Pula, pittore palermitano pinse pittura per poco prezzo. Prepotente popolo, pagate presto Pio Pietro Paolo Pula per partire per Palermo propria patria.

In un piatto cupo poco pepe cape.

Pisa pesa e pesta il pepe al papa;il papa pesa e pesta il pepe a Pisa.

“Q”

“C’è il questore in questura a quest’ora?”
“No, non c’è il questore in questura a quest’ora,
perché se il questore fosse in questura a quest’ora,
sarebbe questa la questura!”

“R”….cara ERRE

Orrore, orrore! Un ramarro verde su un muro marrone.

Pure Pelé partì per il Perù però perì per il puré.

Per Robespierre, instauratore del terrore era un terribile errore irrorare col verderame un raro ramarro marrone.

Tigre contro tigre.

Tre tigri contro tre tigri.

Tigre intriga tigre.

Se la serva non ti serve, a che serve che ti serva di una serva che non serve? Serviti di una serva che serve
e se questa non ti serve, serviti dei miei servi.

Porta aperta per chi porta, chi non porta parta pure; per chi porta porta aperta, parta pure chi non porta.

Trentatré trentini entrarono a Trento, tutti e trentatré trotterellando.

Nell’anfratto della grotta
trentatré gretti gatti si grattano.

Un empio imperator di un ampio impero scoppiar fece una guerra per un pero; credeva conquistare il mondo intero l’imperator, ma perse l’ampio impero.

Una rana nera nera sulla rena errò una sera, una rara rana bianca sulla rena errò un pò stanca.

Con un ramo sopra un muro,
quella birba di Romeo,
ha rubato sei limoni
a quel grullo di Matteo;
poi dal mare ha preso un remo
s’è diretto verso Roma:
-Mira, o Mèro, amore amaro!-
Ha gridato al suo somaro.

S’odon l’abitator dell’oltretomba
il rauco suon della tartarea tromba.


“S”

Seren non è, seren sarà: se non sarà sereno si rasserenerà.

Chi seme di senapa secca semina sempre seme di senapa secca raccoglie.

Ho in tasca l’esca
ed esco per la pesca,
ma il pesce non s’adesca,
c’è l’acqua troppo fresca.
Convien che la finisca,
non prenderò una lisca!
Mi metto in tasca l’esca
e torno dalla pesca.

Il re Serse scorse un orso,
lo rincorse con le sferze,
lo percosse a tutta forza.
L’orso insorse con un morso,
Serse andò fuori di Serse
e si perse dietro l’orso.
Quanto all’orso, senza forse,
lui si perse nel discorso,
a soccorso del re Serse.

“Buona sera, buona sera. Ha il Corriere della Sera di ieri sera?”.
“No, non ho il Corriere della Sera di ieri sera, ma ho il Corriere della Sera di stasera!”.

Sette scettici sceicchi sciocchi con la sciatica sciamano a Shangay.

Sotto le frasche del capanno
quattro gatti grossi stanno;
sotto quattro grossi sassi,
quattro gatti grossi e grassi.

“SCI”

Sotto un uscio tutto liscio cadde a striscio un grosso guscio.

“SCH”

O schiavo con lo schiaccianoci, che cosa schiacci? Schiaccio sei noci del vecchio noce con lo schiaccianoci.

“T”

Tu che attacchi i tacchi, attaccami i tacchi. Io? attaccare i tacchi a te che attacchi i tacchi? Ma attaccateli tu i tuoi tacchi!

Tito, tu m’hai ritinto il tetto, ma non t’intendi tanto di tetti ritinti.

“V”

Eva dava l’uva ad Ava;
Ava dava l’uova ad Eva;
ora Eva è priva d’uva,
mentre Ava è priva d’uova.

Ciò che è, è;
ciò che non è, non è;
ciò che è, non è ciò che non è;
ciò che non è, non è ciò che è.

“Z”

Un pezzo di pizza che puzza nel pozzo del pazzo di pezza.

Dietro quel palazzo c’è un povero cane pazzo; date un pezzo di pane a quel povero pazzo cane.

Una zolletta di zucchero nella tazza di zia Zita

SCIOGLIGROVIGLI

Salta ai commenti

03

Tre tozzi di pan secco in tre strette tasche stanno.

Ti ci stizzisci? E stizziscitici pure!

Prendi questa barca e impegolamela e quando l’avrai impegolata disimpegolamela senza impegolarmi.

Treno troppo stretto e troppo stracco stracca troppi storpi e stroppia troppo.

Sopra la panca la capra campa, sotto la panca la capra crepa.

In un conca nuotano a rilento tre trote, cinque triglie e tinche cento.

Tre pigri preti pregano
con tre preti pigri.

Chi troppo in alto sal cade sovente precipitevolissimevolmente

Se l’arcivescovo di Costantinopoli
si volesse arcivescovoscostantinopolizzare,
vi arcivescovocostantinopolizzereste voi
per arcivescovoscostantinopolizzare lui?

Calai in un pozzo profondo tre pesche e due pezzi di pepe nel pugno.
In un pozzo profondo calai: due pezzi di pepe e tre pesche nel pugno portai.

“FILASTROCCHE SCIOGLILINGUA

pippi - immagine di enrico gramatica

La marmotta, quando annotta,
nella grotta già barbotta
che la pappa non è cotta!
Quando è cotta
ribarbotta, perché scotta!

Filastrocca sciogligrovigli
con la lingua ti ci impigli
ma poi te la sgrovigli
basta che te la pigli.

Buono, il pane di frumento
sfornato in quel momento.
E buoni anche i biscotti,
cotti, tricotti e stracotti:
crocchiano e cricchiano,
in bocca scricchiolano,
hanno un sapore che non ti dico
se li dividi con un amico.

Il mio amore mi ha mandato a dire
se voglio degli aghi per cucire,
ma ho risposto a quel villano
che gli aghi pungono la mano.

Filastricca, filastrocca
l’acquolina viene in bocca,
viene in bocca nel vedere
il formaggio con le pere.
Il formaggio parmigiano
che piaceva al capitano;
capitano dei pompieri
con in testa i bei cimieri;
bei cimieri rossi e gialli
come tanti pappagalli;
pappagalli molto tristi
come vecchi farmacisti,

che preparan la pasticca

filastrocca, filastricca.


Salta la rana, s’inarca il bruco
balza il coniglio fuori dal buco.
Vola l’insetto, striscia il lombrico,
il cavallino trotta spedito.
Striscia non vedi? anche il serpente.
Vola il gabbiano sul mar lucente.
Saltella allegro il mio cagnolino,
sempre si struscia il mio gattino!

“Sono il fantasma di Rocca Rotonda
e vengo fuori a notte fonda.
Sui vetri picchio, nei muri batto,
in terra striscio e faccio il matto!”.
La viscontessa, ah! mamma mia,
coi bigodini scappa via.
Il visconte scappa lesto,
con le mutande dentro a un cesto.
Il viscontino che arriva qui
dalla paura fa la pipì
Dice Gennaio: “Aprite quell’uscio!”.
Dice Febbraio: “Io sto nel mio guscio?”.
Marzo apre un occhio e inventa i colori!
Aprile copre ogni prato di fiori!
Maggio ci porge la rosa più bella!
Giugno ha nel pugno una spiga e una stella!
Luglio si beve il ruscello d’un fiato!
Sonnecchia Agosto all’ombra sdraiato!
Settembre morde le uve violette!
Più saggio Ottobre nel tino le mette!
Novembre fa d’ogni sterpo fascina!
Verso il presepe Dicembre cammina!

..E PER CONTINUARE A SBIZZARIRVI..andate su www.filastrocche.it

3 risposte a DIZIONE E DINTORNI

  1. REBUS ha detto:

    interessante

  2. maclad ha detto:

    complimenti! belli gli scioglilingua ed i contenuti in generale
    maclad

  3. nunzy conti ha detto:

    ..grazie !!!!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...